NICOLA PALMA
Cronaca

Incendio in un appartamento in via Arquà: gravissimo un 29enne, rianimato da un carabiniere. Coinvolti quattro bimbi

Milano, decisivo l’intervento di due militari del Radiomobile, che hanno visto il rogo e hanno evacuato 40 persone. Poi un maresciallo ha sfondato la porta dell’abitazione e portato fuori il giovane

Soccorritori ed evacuati in via Arquà

Soccorritori ed evacuati in via Arquà

Milano – Un ventinovenne pakistano ha riportato gravi ustioni nell'incendio dell'appartamento in cui vive in via Arquà, a due passi da via Padova, divampato poco prima delle 22 di sabato. Il rogo si è sviluppato in un'abitazione al secondo piano di una scala interna, probabilmente da alcune batterie messe in carica.

L'intervento decisivo dei carabinieri

I primi a intervenire sono stati due carabinieri del Nucleo Radiomobile, che erano di passaggio in zona e che si sono accorti subito delle fiamme: sono entrati nello stabile e hanno evacuato una quarantina di residenti. Quando qualcuno ha detto loro che l'inquilino dell'alloggio in fiamme era rimasto intrappolato all'interno, il capo equipaggio, un maresciallo, ha sfondato la porta ed è riuscito a tirare fuori il ventinovenne, praticandogli pure le manovre di rianimazione in attesa dell'arrivo del 118.

L'uomo è stato trasportato in condizioni gravi al Niguarda sia per le ustioni riportate su diverse parti del corpo sia per le esalazioni del fumo, che ha invaso tutto il cortile. I vigili del fuoco hanno spento le fiamme nell'appartamento, completamente distrutto; inagibile anche l'abitazione del piano di sopra. Altre cinque persone, tra cui quattro bambini di origine pakistana, sono state assistite sul posto dai sanitari di Areu.

L'esterno del palazzo dove è scoppiato l'incendio
L'esterno del palazzo dove è scoppiato l'incendio