In auto 100 iPhone del maxicolpo. Quattro in manette a San Siro

Quattro uomini di origine egiziana sono stati arrestati in flagranza per ricettazione di un centinaio di iPhone rubati in un colpo in grande stile. Valore della refurtiva: circa un milione di euro. Processati per direttissima.

In macchina avevano un centinaio di iPhone, parte della refurtiva del colpo in grande stile messo a segno un mese fa nel polo logistico di Settala: il 2 novembre i ladri avevano forzato il cancello di un’azienda, utilizzando diversi furgoni e auto anche per bloccare le vie d’accesso (sulle quali avevano poi sparso chiodi per proteggersi la fuga), ed erano spariti con alcuni bancali di smartphone per un valore di circa un milione di euro.

Salto temporale. Sabato pomeriggio, poco dopo le 18, una volante della polizia s’insospettisce per le mosse di quattro tizi di origine egiziana intorno a un’auto parcheggiata in via Morgantini, quartiere San Siro. Non ci vuole molto per trovare a bordo quel centinaio di costosissimi telefonini, che due degli uomini, un 42 enne incensurato e un 36 enne con precedenti, regolari in Italia, stavano cercando di smerciare a un negozio di telefonia che inaugurava proprio quel giorno con l’intermediazione di altri due egiziani, un 28 enne e un 44 enne, anch’essi regolari e senza precedenti. Fino a sabato almeno, perché tutti e quattro sono stati arrestati in flagranza per ricettazione, quando i poliziotti hanno accertato che i telefonini erano parte della refurtiva del colpo di Settala. Saranno processati per direttissima. Gi. Bo.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro