I fiori e l’abbraccio corale: "La mia vita di battaglie"

Al Santa Maria delle Stelle il saluto a Pinuccia Dossi, pronta alla pensione. Sindacalista nell’azienda ospedaliera da 46 anni "a difesa di tutti i lavoratori". .

I fiori e l’abbraccio corale: "La mia vita di battaglie"

I fiori e l’abbraccio corale: "La mia vita di battaglie"

Mazzi di mimose davanti all’ingresso dell’ospedale Santa Maria delle Stelle nella mattina dell’8 marzo. Un omaggio alle donne, ma anche l’arrivederci "in giallo" di Pinuccia Dossi, da 46 anni sindacalista fra uffici e corsia sotto egida Cisl, conosciutissima pasionaria per i diritti e pronta alla pensione; 46 anni d’impegno e battaglie, "ne ho viste tante, e di tutti i colori. Ho sempre fatto del mio meglio, difendendo i diritti di tutti".Mimose in mano, i colleghi attorno: "Il mio primo lavoro fu all’Invernizzi, nei primi anni Settanta. Erano gli anni delle furibonde battaglie sindacali “del latte”. C’era in azienda una sindacalista simpatica e gentile, Margherita, ed era della Cisl. Mi iscrissi qualche anno dopo". L’arrivo all’ufficio personale dell’ospedale melzese nel marzo ’78, "pochi giorni prima della strage di via Fani". Dall’ospedale Dossi non si è più mossa: Melzo, poi un periodo a Cernusco, poi di nuovo Melzo, ufficio personale, settore previdenziale. "Ho assistito a tanti cambiamenti. Non positivi purtroppo: lo svuotamento della sanità pubblica è una realtà dolorosa. Ho sempre fatto il mio: anche se qualcuno mi ha criticato perché “troppo buona”".

L’affetto per la Cisl e per il sindacato: "Mi piace ricordare il “profilo del sindacalista” stilato da Carlo Maria Martini: “colui che si mette in leale rapporto con gli altri, responsabile dei diritti umani, capace di reggere l’utopia”. Ma anche Papa Francesco, tempo fa, ha definito i cislini “sentinelle”. Lo siamo". E anche l’amore per l’ospedale: "Non un ospedalino di campagna, ma un grande ospedale, dove hanno operato professionisti di prim’ordine. Va potenziato, valorizzato". I progetti: "Non mi ritiro certo a vita privata. Spero di passare alla Cisl pensionati, e voglio iscrivermi all’associazione culturale Amici di Sant’Andrea". Fra mimose e saluti non ha guastato la festa un incidente diplomatico. "Ogni anno organizziamo questa iniziativa - così il coordinatore cisl dell’Asst Domenico Lovisi - e nei giorni scorsi abbiamo comunicato la nostra presenza oggi alla dirigenza. Ci è arrivata una nota di “non autorizzazione”. Ovviamente abbiamo disobbedito, ed eccoci qua. Ma chiederemo ragione di questo gesto".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro