Carcere Beccaria, è Daniele Alborghetti il nuovo comandante delle guardie penitenziarie

Attualmente è vice a Bollate. Intanto arrivano rinforzi per sostituire gli agenti arrestati

Milano, 27 aprile 2024 - Dopo l'inchiesta che ha portato all'arresto di 13 agenti di polizia penitenziaria del carcere minorile Beccaria, cambio della guardia e rinforzi di organico nel carcere minorile.

Al posto della Comandante Manuela Federico dal 6 maggio ci sarà l'attuale vicecomandante di Bollate, Daniele Alborghetti. Il suo è un nome noto alle cronache perché nel 2018, quando guidava gli agenti a Monza, finì ai domiciliari per corruzione e turbativa d'asta per gli appalti sull'installazione delle macchinette per bibite e sigarette. Condannato in primo grado a 5 anni e 4 mesi di carcere, è stato poi assolto definitivamente. A marzo di quest'anno Alborghetti aveva proclamato uno sciopero della fame definendosi "rovinato" dall'inchiesta giudiziaria e invocando un incontro col ministro della Giustizia Carlo Nordio.

Un comandante in ruolo

Stando a quanto spiegato da fonti penitenziarie, Federico, non indagata dalla Procura di Milano, era stata assegnata temporaneamente all'incarico dall'Ufficio di esecuzione penale esterna, e non aveva una “scadenza”. Anche Francesco Ferone, il comandante prima di lei che figura tra gli arrestati, non era stabile. Questo significa che nei mesi in cui si sarebbero verificate le torture al Beccaria non c'era un comandante “in ruolo”. I comandanti non fissi non sono obbligati ad andare tutti i giorni della settimana in carcere. Quello che invece dovrebbe fare Daniele Alborghettti a cui viene assegnato un incarico stabile.

Rinforzi provvisori

Approfondisci:

Carcere Beccaria di Milano, servono rinforzi: il ministro Nordio invia altri agenti

Carcere Beccaria di Milano, servono rinforzi: il ministro Nordio invia altri agenti

Nel frattempo il Ministero della Giustizia ha inviato una richiesta agli uffici di Esecuzione penale esterna di Torino, Venezia, Bologna, Napoli, Firenze, Roma e Napoli chiedendo "con riferimento alle criticità in atto" al Beccaria che "ciascuna di queste direzioni provveda a inviare in servizio provvisorio, anche in assenza di manifestazioni di disponibilità, con decorrenza immediata e fino al 20 maggio 2024 quattro unità di personale per un totale di 24 alla struttura minorile". Un provvedimento insoddisfacente per Gennarino De Fazio, segretario del sindacato Uilpa: "Queste unità serviranno a malapena a coprire il vuoto di organico determinato dai provvedimenti cautelari".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro