Berlusconi al Famedio, la figlia di Borrelli: “Vorrei far cancellare il nome di mio padre”

Milano, lo sfogo della figlia dell'ex procuratore della Repubblica e magistrato del pool di Mani Pulite. “Nessun odio per la persona. Ha creato imbarazzi al Paese ed è stato un personaggio divisivo”

Federica Borrelli con il padre Francesco Saverio e Silvio Berlusconi

Federica Borrelli con il padre Francesco Saverio e Silvio Berlusconi

Milano, 6 ottobre 2023 – Amarezza e stupore per la decisione di iscrivere l'ex premier Silvio Berlusconi, scomparso lo scorso 12 giugno, al Famedio, il pantheon dei milanesi illustri, stabilita dalla Commissione consultiva del Comune per le onoranze, è stata espressa su Facebook da Federica Borrelli, figlia dell'ex procuratore della Repubblica Francesco Saverio magistrato di punta del pool di 'Mani Pulite’.

Federica Borrelli contro Berlusconi al Famedio

"Vorrei fare cancellare il nome di mio padre immediatamente! Non ho parole!", ha scritto come si legge oggi sul Corriere della Sera. Francesco Saverio Borrelli è iscritto al Famedio da quattro anni. Federica Borrelli ha replicato a un post in cui una amica aveva affermato che è “vergognoso che un pregiudicato finisca al Famedio”, riferendosi alla condanna a quattro anni di reclusione, tre dei quali condonati, subita nel 2013 da Berlusconi per reati fiscali nel processo Mediaset, che era basato sulle indagini della Procura che fu guidata da Borrelli.

Iscrizione approvata anche da Sala

"Nessun odio per la persona, credo che sia una questione di opportunità - spiega la studiosa di lettere classiche al Corriere -. Berlusconi è un personaggio che ha creato imbarazzi ad un intero Paese, e questa iscrizione crea ulteriore imbarazzo”. É stata Forza Italia a proporre il nome di Berlusconi per l'iscrizione al Famedio, nel corso della cerimonia che si terrà il prossimo 2 novembre, e sul suo nome c'è stata la convergenza anche della maggioranza di centrosinistra. È quindi arrivato l'ok dell'apposita commissione del Comune e anche il sindaco, Giuseppe Sala, ha espresso la sua approvazione sul nome dell'ex premier.

“Cav divisivo, si poteva sospendere la decisione”

"Forse è un po’ presto, il giudizio poteva essere sospeso ancora per qualche tempo” ha commentato la figlia del magistrato secondo la quale “un po’ di morigeratezza e rigore avrebbero forse dovuto consigliare di non proporre l'iscrizione di un personaggio divisivo che ha fatto ragionare e discutere”.