MONICA AUTUNNO
Cronaca

Maltempo in Lombardia, almeno 20 milioni di danni. Fontana nei Comuni più colpiti: chiesto lo stato di emergenza

L’epicentro dell’alluvione a Bellinzago: ancora inagibili decine di case sulla Padana. Il governatore lombardo tranquillizza i cittadini: “State sereni, il nostro impegno c’è"

Bellinzago Lombardo – Venti milioni di euro di danni su quattro Comuni, la richiesta di stato di calamità pronta a partire. È una prima stima dopo la drammatica alluvione di mercoledì, che ha messo in ginocchio Bellinzago Lombardo e Gessate e provocato danni importanti in tutta la zona, soprattutto nelle vicine Masate e Cambiago.

Approfondisci:

Alluvione a Bellinzago, bimbi dell’asilo salvi grazie alle carabiniere: “Credevano fosse un gioco”

Alluvione a Bellinzago, bimbi dell’asilo salvi grazie alle carabiniere: “Credevano fosse un gioco”

Ieri intanto, nelle zone più colpite dall’alluvione, è stata anche la giornata delle istituzioni: in visita nel pomeriggio il governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana con gli assessori alla protezione civile e al territorio Romano La Russa e Marco Comazzi.

Le autorità, scortate dai sindaci Michele Avola e Lucia Mantegazza e dagli operatori dell’emergenza, hanno visitato il centro di unità di crisi istituito a Bellinzago nella palestra delle scuole medie e poi l’asta di Villa Fornaci allagata dalla piena: strade, negozi, e alcune delle abitazioni più colpite, dove taverne, cantine e garage sono ancora allagati. "Siamo qui – ha spiegato Fontana – a renderci conto, a prendere visione e ad acquisire informazioni. State sereni, il nostro impegno c’è".

Il sopralluogo di Attilio Fontana, governatore della Lombardia, a Bellinzago, uno dei Comuni più colpiti dal nubifragio
Il sopralluogo di Attilio Fontana, governatore della Lombardia, a Bellinzago, uno dei Comuni più colpiti dal nubifragio

A 48 ore dall’ondata di piena delle Trobbie e del Naviglio Martesana che ha riversato acqua e fango sui paesi la seconda, grande emergenza è quella economica. Sono ancora una decina i cittadini di Bellinzago impossibilitati a rientrare nelle abitazioni allagate: l’ultima notte l’hanno trascorsa, a spese del Comune, in un residence poco lontano. Nella palestra di via Giovanni XXIII ore e ore di febbrile raccolta e riordino di dati. L’istanza per i risarcimenti deve essere pronta entro i primi giorni della settimana. Riguarderà un territorio di quattro Comuni per quasi 24mila abitanti complessivi e un totale approssimativo di duemila famiglie danneggiate, cui vanno aggiunte attività produttive e privati. Un conteggio “in corsa“, via via inserito in un sistema di raccolta dati regionale. La stima di 20 milioni di euro potrebbe essere soggetta a revisioni, naturalmente al rialzo.

Nella palestra dove squadre di volontari si occupano di rifocillare e assistere gli operatori da due giorni incessantemente all’opera non manca una postazione dell’ufficio territoriale regionale, con esperti di dissesto idrogeologico e memoria storica d’alluvioni. "Ciò che è stato singolare in questo episodio – spiega uno di loro – è il tempo cosiddetto di ‘corrivazione’ brevissimo. Denota, sicuramente, un cambiamento di scenario in atto".

Le misure tecniche peraltro erano state prese: attivazione delle vasche di laminazione, riduzione di portata della Martesana, monitoraggio dei livelli. Hanno evitato, secondo gli esperti, danni anche peggiori rispetto a quelli, comunque gravissimi, registrati.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro