Baby Gang chiede la scarcerazione. I social, le foto e la trap: di cosa si parla nella richiesta dei domiciliari

Il 22enne, in vetta nelle classifiche dello streaming, è tornato in cella a fine aprile su decisione della Corte d'Appello di Milano

Il trapper Baby Gang

Il trapper Baby Gang

Milano – Baby Gang ha presentato ricorso al Tribunale del Riesame attraverso il suo legale Niccolò Vecchioni, chiedendo di essere scarcerato e di andare ai domiciliari. Il trapper da milioni di follower, in vetta nelle classifiche dello streaming, è tornato in cella a fine aprile su decisione della Corte d'Appello di Milano.

Zaccaria Mouhib (vero nome del trapper) è finito di nuovo in carcere perché, hanno scritto i giudici, mentre era ai domiciliari con braccialetto elettronico (ha due condanne in primo grado per rapina e altri reati), avrebbe “comunicato con un numero indeterminato di soggetti, pubblicando fotografie su Instagram” nelle quali “viene ritratto mentre impugna una pistola che punta verso l'obiettivo”.

Secondo quanto sostenuto nella richiesta di scarcerazione le “fotografie” andrebbero “lette alla luce del loro significato simbolico e artistico” e “hanno come unico scopo quello di enfatizzare il carisma del trapper Baby Gang” per l'uscita dell'ultimo album. Viene inoltre spiegato che "il genere musicale” della trap “mutua dal rap l'impiego di espressioni e immagini cruente”. In più, il suo profilo Instagram non è “amministrato direttamente” da lui, ma dal suo manager che si occupa “dell'aspetto comunicativo e della gestione dei canali social”.  

La sua difesa nell'appello al Riesame fa notare, tra le altre cose, che “sia l'arma impugnata dal Mouhib” che “i sacchi di marijuana presenti sullo sfondo erano mere 'copie’”, ossia “oggetti di scena”, forniti “dalla casa di produzione del videoclip per rendere più realistico, e coerente con il titolo dell'album (L'angelo del male, ndr), il 'personaggio”.

Si tratta, poi, di immagini “caricate sul profilo Instagram”, ma “scattate in occasione delle autorizzazioni concesse dall'autorità giudiziaria”, anche quando il cantante era ai domiciliari. La difesa sottolinea pure come ormai Baby Gang sia “un celebre artista musicale attualmente all'apice del proprio successo, con all'attivo cinque album pubblicati, sottoscrizione di accordi contrattuali con le più importanti case discografiche nazionali”

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro