Assorbenti gratis in Statale, è il secondo ateneo d’Italia

Assorbenti gratis in Statale, è il secondo ateneo d’Italia

Assorbenti gratis in Statale, è il secondo ateneo d’Italia

Via libera alla distribuzione di assorbenti gratuiti per le studentesse e il personale della Statale di Milano: è la seconda università d’Italia - dopo Padova - a garantirne la gratuita. Ieri la mozione proposta degli universitari è stata approvata in Cda all’unanimità. "Una grande vittoria, per la comunità studentesca e per l’ateneo – sottolinea Flavia Faccini, in Cda con Studenti Indipendenti Statale-Link – dopo anni di lavoro negli organi e di iniziative di sensibilizzazione e mutualismo, abbiamo portato in Consiglio di Amministrazione la mozione della Conferenza degli Studenti che chiede l’erogazione gratuita degli assorbenti. Una richiesta voluta e supportata non solo dalle liste di rappresentanza, ma da tutta la comunità studentesca, come dimostrato dalle centinaia e centinaia di firme che abbiamo raccolto nell’ultimo mese". Ci sarà un “kit di cortesia” (con assorbenti, fazzoletti disinfettanti, cerotti e garze) negli infopoint e nelle portinerie delle varie sedi, da Festa del Perdono a Città Studi, da via Noto a Sesto e Lodi.

La mozione prevede che "in caso di situazioni di emergenza o impellente necessità, studentesse e personale potranno farne richiesta al personale di sportello, che si adopererà per fornire la necessaria assistenza". "Come gruppo UniSì abbiamo scritto e portato la mozione in Conferenza degli Studenti. Dopo grandi sollecitazioni e battaglie negli organi siamo riusciti ad arrivare alla gratuità, puntando sullo ’stato di necessità’ e riusciamo a garantire la privacy delle studentesse che ne faranno richiesta - spiega Benedetto Longobardi, senatore accademico e capogruppo di UniSì nella Conferenza degli Studenti -. La distribuzione avverrà tramite badge con numero di matricola, senza nominativi. Finalmente riusciamo a fare un passo avanti verso un diritto che dovrebbe essere garantito anche nelle altre università e nelle amministrazioni pubbliche". Si.Ba.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro