Notte di scorribande. Assalti a negozi e bar. Presi gioielli e pietre rare. Fermati due sospetti

Nel mirino tre attività del cuore cittadino. Sprangate contro le vetrine

Notte di scorribande. Assalti a negozi e bar. Presi gioielli e pietre rare. Fermati due sospetti

Notte di scorribande. Assalti a negozi e bar. Presi gioielli e pietre rare. Fermati due sospetti

Notte di scorribande in pieno centro storico a Codogno, ma i carabinieri riescono a fermare due sospetti, due stranieri minorenni, la cui posizione fino a ieri era ancora al vaglio. Nessuna notizia ufficiale, infatti, è pervenuta in tal senso e dunque non è stato accertato con sicurezza se siano stati formalmente denunciati a piede libero. Resta però l’effetto devastante del blitz della gang, composta quasi sicuramente da tre persone (il terzo, dunque, è al momento irreperibile) che, tra domenica e lunedì, hanno scorrazzato senza freni. Il negozio preso di mira in maniera più pesante è stato il laboratorio artigianale Coral Point di via Roma all’interno del quale la banda è riuscita ad entrare dopo aver forzato la saracinesca. Dopo averla alzata per circa 50 centimetri, i ladri sono sgattaiolati sotto e sono penetrati nell’esercizio commerciale dopo aver aperto la porta con un calcio netto o una spallata. Qui è iniziata la razzia: i malviventi hanno trafugato collane, orecchini, anelli, bracciali, oggetti in argento, rotoli interi di catene in ottone (forse cercavano oro che non è presente in negozio) e pietre rare e preziose. L’effetto, entrando nell’esercizio commerciale, ieri mattina, era desolante: dietro al bancone cassetti e mobiletti erano stati tutti aperti, gli espositori erano a terra. Sconsolati i titolari che hanno cominciato fin da subito la conta dei danni: difficile stabilire l’esatta entità della razzia, almeno fino a ieri, ma secondo una prima stima, il valore supera i ventimila euro. Attorno alle 9 sono sopraggiunti i carabinieri della Scientifica che hanno effettuato i rilievi e preso le impronte (ce n’era una sul vetro prima dell’ingresso). Le telecamere comunali del centro li avrebbero comunque immortalati.

Più “fortunati“ altri due esercizi commerciali che non hanno subìto il furto, ma sono stati ugualmente pesantemente danneggiati dalla furia della gang: al bar 900, proprio dietro all’istituto per ragionieri Calamandrei, hanno preso di mira la vetrina laterale a quella d’ingresso colpendola con un pesante oggetto in metallo così come il negozio di alimentari indiano di via Pascoli. Per quest’ultimo sono state prese a mazzate sia la vetrina principale che quella laterale. Non sono andate distrutte solo perchè vi era il doppio vetro. Proprio i vicini del negozio hanno sentito il rumore sordo delle sprangate e si sono affacciati alle finestre, scorgendo tre individui con i cappucci calati sulla testa. Più tardi due su tre sono stati fermati: sarebbero minorenni stranieri senza documenti.