Notte di razzie in città. Negozi nel mirino dei ladri

Via il fondo cassa in un salone di acconciature e in un locale etnico. Sfondata con una pietra anche la vetrina di un’autoscuola.

Notte di razzie in città. Negozi nel mirino dei ladri

Notte di razzie in città. Negozi nel mirino dei ladri

Notte di furti e tentate razzie, ai danni di attività commerciali, quella tra mercoledì e ieri a Casalpusterlengo. I blitz sono andati a segno, per mano dei soliti ignoti, cui ora i carabinieri della compagnia di Codogno stanno dando la caccia, mentre i titolari esano assenti e la stragrande maggioranza dei residenti stavano dormendo. Ieri mattina la spiacevole sorpresa. Anche se, fortunatamente, i danni alle vetrine e alle porte di ingresso, forzate per fare irruzione, sono stati limitati. Di conseguenza, ieri mattina, le realtà commerciali sono rimaste aperte regolarmente.

Intanto i militari hanno portato avanti l’indagine per arrivare al nome dei razziatori e assicurarli alla giustizia. Uno dei colpi è stato solo tentato, per fortuna senza ammanchi, all’autoscuola casalina Diaz di viale Cappuccini, dove è stata sfondata la vetrina con una pietra. Una volta all’interno, i ladri hanno messo tutto all’aria e si sono anche tagliati, con i cocci dei vetri rotti, lasciando tracce di sangue. In caso si trattasse di persone note alle forze dell’ordine, quindi, grazie a queste tracce ematiche, si potrebbe risalire agli interessati. Ieri mattina il titolare era impegnato con la burocrazia e per risolvere la situazione ma l’autoscuola ha comunque aperto regolarmente.

Invece in altri due negozi è stato portato il via il fondo cassa, ancora in via di quantificazione. Nel mirino un negozio di acconciature in via Fermi dove, anche in questo caso, ci sono stati danni alle porte. Monica Zeni, del salone colpito, ieri mattina era dai carabinieri a sporgere denuncia. Il personale però stava lavorando regolarmente. "Fortunatamente hanno rotto solo la porta di ingresso ma la vetrina è rimasta integra" hanno confermato. Sembra che, in questo caso, i malfattori si siano fermati, perché disturbati da qualcuno. Infine i carabinieri sono stati allertati anche perché è stato preso il fondo cassa del negozio di Kebab di via Marsala. La mano potrebbe essere la stessa e ora in città la guardia resta alta. I razziatori, infatti, potrebbero tornare a colpire.