La tragedia sulla circonvallazione. Schianto fatale, auto sequestrata

Sul corpo della vittima, il quarantenne Denis Bianco, sarà eseguita l’autopsia. La dinamica pare chiara

L’automobile del 47enne rimasta coinvolta nel tragico schianto di domenica sera lungo la circonvallazione cittadina è stata sottoposta a sequestro giudiziario come prevede la prassi in queste occasioni mentre il corpo del 40enne motociclista, Denis Bianco, morto in seguito all’impatto della sua Suzuky con l’auto vicino all’innesto con via Pascoli, sarà sottoposto ad indagine autoptica all’istituto di Medicina legale di Pavia. La dinamica, almeno dalla posizione dei veicoli a terra dopo il terribile schianto, sembra al momento abbastanza chiara anche se le forze dell’ordine stanno cercando di effettuare le ultime verifiche: il centauro stava percorrendo il tratto di anello viario della citta dal santuario verso palazzo Soave quando, all’altezza della svolta verso il centro, una Audi serie 3 condotta da un 47enne codognese, ha girato a sinistra. Il conducente della moto, a quel punto, si è trovato davanti la sagoma della vettura e l’impatto purtroppo è terribile e inevitabile. Il botto è stato devastante: la forza dell’urto ha addirittura provocato un buco in una porzione di carrozzeria della macchina. Il centauro è stato sbalzato a terra ad alcuni metri di distanza dall’impatto ed è rimasto esanime sull’asfalto. Inutili sono stati i tentativi di rianimazione da parte di un carabiniere intervenuto e successivamente degli operatori sanitari del 118.

L’automobilista, uscito illeso dall’abitacolo, è stato sottoposto ad alcoltest sul posto, esami poi replicati ed approfonditi all’ospedale dove è stato condotto in stato di forte agitazione. I carabinieri hanno effettuato i rilievi ed hanno quindi cristallizzato la situazione. Resta capire se ora l’automobilista sarà indagato o meno con l’accusa di omicidio stradale: decisivi saranno gli esiti degli esami a cui è stato sottoposto il conducente e le risultanze esatte della dinamica del sinistro.