Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 giu 2022

Lodi, investita davanti a scuola: Oriana muore a 14 anni

L’adoloscente aveva frequentato il primo anno del Gandini. La preside: siamo costernati. Sospesi tutti i festeggiamenti per le vacanze

8 giu 2022
laura de benedetti
Cronaca
TRUCCAZZANO - ARCHIVIO - INCIDENTE - CICLISTA FERITO - ELISOCCORSO - FOTO CANALI/ANSA - PER REDAZIONE MARTESANA/METROPOLI - PINCIONI/CANGEMI
Elisoccorso. Nel riquadro la vittima, la 14enne Oriana Fregoni
TRUCCAZZANO - ARCHIVIO - INCIDENTE - CICLISTA FERITO - ELISOCCORSO - FOTO CANALI/ANSA - PER REDAZIONE MARTESANA/METROPOLI - PINCIONI/CANGEMI
Elisoccorso. Nel riquadro la vittima, la 14enne Oriana Fregoni

Lodi -Un manto di dolore è calato sull’ultimo giorno di apertura delle scuole nel Lodigiano prima della vacenze estive, tradizionalmente festoso: ha portato lutto, sconcerto, ha spento la musica, l’allegria. Tre in tutto gli incidenti: il più grave avvenuto a Lodi dove una ragazzina di 14 anni che martedì sera stava andando alla prima festa di fine anno serale post Covid al Gandini è morta ieri in ospedale per le ferite riportate.

A perdere la vita è stata Oriana Fregoni, 14 anni, residente in una cascina tra Rivolta e Spino, che lascia i genitori e una sorella dodicenne: aveva frequentato la 1C al liceo scientifico Gandini e martedì alle 19 stava attraversando la strada per recarsi alla festa 'Umani e sostenibili' organizzata dalla scuola. "Siamo costernati, un attimo cambia la vita in una maniera impensabile – ha detto la preside Giusy Moroni che, al momento dell’incidente si trovava all’interno dell’istituto –. Ero in aula magna e non ho sentito niente ma altri mi hanno riferito di un forte botto. Quando sono stata avvertita si era svolta la prima parte della festa (con la presentazione di progetti su ambiente, comunicazione e sostenibilità, ndr), ma poi ho evitato di proseguire con la musica, in segno di solidarietà e di rispetto. Ci siamo resi conto che la situazione era gravissima ma finché non è stata fatta la tac c’era speranza".

Ieri mattina le ultime ore al Gandini per oltre mille studenti: "Ho fatto recuperare un po’ di festa con balli in cortile, solo all’ultima ora, ma i docenti non se la sono sentita e hanno anullato la partita di pallavolo con gli studenti" racconta la dirigente scolastica. Poi verso mezzogiorno la notizia che l’encefalogramma di Oriana era piatto, che non c’era più nulla da fare. Oriana Fregoni è stata travolta mentre attraversava via D’acquisto, a poche decine di metri dall’ingresso del Gandini in via Giovanni XXIII. Le sue condizioni martedi erano apparse subito molto gravi tanto che il personale medico di soccorso aveva predisposto l’invio in eliambulanza all’ospedale pediatrico di Brescia, dove è poi deceduta.

La dinamica dell’incidente è ancora la vaglio della Procura e per il guidatore di circa 70 anni potrebbe profilarsi un’indagine per omicidio stradale, ma sembra che davanti alla scuola non ci fosse ancora la gran massa di studenti che comunque è abituale di ogni giorno. Al dolore si accompagna, però, la solidarietà: nel pomeriggio, dichiarata dai medici la morte cerebrale, la mamma e il padre della ragazzina hanno autorizzato l’espianto degli organi. "Così Oriana è come se vivesse ancora" hanno riferito il pensiero dei famigliari della vittima alcuni conoscenti.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?