MARIO BORRA
Cronaca

Febbre Dengue, scoperti altri due casi infettati dalle zanzare: 309 persone sottoposte a screening

A Castiglione d’Adda infettati anche ventunenne e ultraottantenne. Esami del sangue prorogati fino a sabato

Il virus (a destra, al microscopio) è portato dalle zanzare Aedes

Il virus (a destra, al microscopio) è portato dalle zanzare Aedes

Salgono a sei i casi di positività al virus Dengue a Castiglione d’Adda: si tratta di un ragazzo di 21 anni, non ricoverato, e di una donna ultraottantenne finita in ospedale nei giorni scorsi ma già dimessa, i quali si aggiungono agli altri quattro scoperti dal 18 agosto scorso.

Invece sono attualmente 309 i cittadini castiglionesi che da venerdì si sono sottoposti allo screening per la ricerca di anticorpi: 102 il primo giorno, 104 nella giornata di sabato e 103 nella giornata di ieri. Per scoprire il virus trasmesso dalla zanzara Aedes (zanzara tigre), l’Ats aveva promosso uno screening mediante prelievo di sangue gratuito e su base volontaria: l’obiettivo è di raggiungere un platea di persone più ampia possibile con i dati che verranno analizzati successivamente dal Policlinico San Matteo di Pavia.

Gli esami si sono svolti nella Casa di Comunità dell’ospedale di Codogno nei tre giorni a cavallo del week end appena trascorso ma si punta a proseguire il test. "Vista l’importanza dell’attività, lo screening per i cittadini di Castiglione d’Adda rimarrà attivo fino a sabato 2 settembre, sempre nello steso ambulatorio al primo piano entrando da viale Gandolfi Codogno. Per oggi e domani l’orario sarà dalle 8 alle 16. Per maggiori informazioni, si può consultare la pagina dedicata sul sito di Ats" spiegano dal servizio sanitario.

Inoltre i cittadini castiglionesi che vogliono partecipare allo screening ma che non possono raggiungere Codogno per impedimenti fisici possono contattare telefonicamente il Punto Unico di Accesso (Pua) della Casa di Comunità al numero 0377/465352 e prenotare il prelievo a domicilio.