Il governatore Attilio Fontana
Il governatore Attilio Fontana

Milano, 28 febbraio 2020 - Sul fronte coronavirus il governatore della Regione Attilio Fontana ha messo in luce una situazione di criticità che si è registrata nella giornata di ieri all'ospedale di Lodi, con un incremento improvviso di accessi. "Ieri nel pomeriggio di ieri c'e' stata un affollamento di ricoveri - ha raccontato Fontana, 51  ricoveri gravi di cui 17 in terapia intensiva. Lodi non ha un numero sufficiente di camere di terapia intensiva per cui sono stati trasferiti in altre terapie intensive della Regione". Proprio la possibilità di una congestione dei presidi ospedalieri è uno dei maggiori rischi legati all'emergenza coronavirus. 

"Il vero grande problema è che questo virus, che giustamente è stato definito poco più di un'influenza in una piccola percentuale rischia di diventare qualcosa di complicato: non comporta un esito drammatico, ma ad essere ricoverati in terapia intensiva in due o tre settimane. Il problema è che i letti di terapia non sono infiniti - ha osservato Fontana - e hanno anche una funzione diversa, per gli infartuati, i colpiti da ictus: non possiamo dedicare tutta la terapia intensiva esclusivamente al Coronavirus". 

"Se si ridesse meno della mascherina e si guardasse il problema più attentamente credo che sarebbe saggio", ha aggiunto il governatore lombardo - ospite de "L'aria che tira" - facendo riferimento alle polemiche sollevate dal suo video pubblicato su Facebook, dopo aver scoperto la positività di una sua stretta collaboratrice. Tornata sotto controllo invece la situazione all'ospedale di Cremona, ieri sotto pressione per i numerosi pazienti ricoverati con il coronavirus, tanto che tre sono stati trasferiti nei reparti di terapia intensiva di altre strutture della Lombardia.