Arrestato il bidello fantasma. Non si presenta da cinque anni: "I certificati erano taroccati"

La Gdf di Lodi incastra il dipendente pubblico che ha intascato centomila euro di stipendio .

Arrestato il bidello fantasma. Non si presenta da cinque anni: "I certificati erano taroccati"
Arrestato il bidello fantasma. Non si presenta da cinque anni: "I certificati erano taroccati"

Lavora in una scuola del Lodigiano dove non si presenta da cinque anni: finisce ai domiciliari. Un bidello, dipendente pubblico, ieri mattina ha ricevuto la visita della Guardia di Finanza. Si tratta di una persona nota alle forze dell’ordine perché l’anno scorso aveva subìto un sequestro preventivo per la presunta indebita percezione di assegni di invalidità civile. Questa volta le accuse sono: falso in atto pubblico commesso dal privato, false attestazioni e certificazioni che giustificano l’assenza del pubblico dipendente dal servizio e truffa aggravata ai danni di un ente pubblico.

Le Fiamme Gialle ieri hanno eseguito l’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal gip di Lodi perché il collaboratore scolastico non si presenta al lavoro da cinque anni e per gli inquirenti esbirebbe certificati medici fasulli. Percependo indebitamente la retribuzione per 108mila euro. I domiciliari, sono stati disposti per la probabilità di commissione di delitti della stessa specie. L’indagato è stato incastrato dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Lodi, coordinato dalla Procura. Ora il collaboratore, dipendente di un istituto scolastico del territorio, è accusato di diversi reati derivanti appunto dalla protratta assenza e dai certificati di malattia taroccati per giustificarla.

Già nel 2022 aveva subìto un sequestro preventivo per pregresse indagini, sempre della Gdf, in relazione alla presunta indebita percezione di assegni di invalidità civile. Adesso dovrà difendersi davanti ai giudici.

Paola Arensi