Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
3 apr 2022

Tamburi e chiarine, giura la reggenza di Legnarello

La cerimonia d’investitura a meno di due mesi dal Palio. Alla Villa Jucker la festa. con il "Galà del Sole"

3 apr 2022
La reggenza di contrada ieri pomeriggio durante la cerimonia religiosa al Redentore
La reggenza di contrada ieri pomeriggio durante la cerimonia religiosa al Redentore
La reggenza di contrada ieri pomeriggio durante la cerimonia religiosa al Redentore
La reggenza di contrada ieri pomeriggio durante la cerimonia religiosa al Redentore
La reggenza di contrada ieri pomeriggio durante la cerimonia religiosa al Redentore
La reggenza di contrada ieri pomeriggio durante la cerimonia religiosa al Redentore

Tradizionalmente l’investitura religiosa della contrada giallorossa di Legnarello si tiene il 2 febbraio, giorno della candelora (la festa della luce, del fuoco delle candele e del sole, simbolo di contrada) ma per il 2022 è stata rinviata a ieri. Colpa della solita pandemia, anche se ormai i manieri hanno imparato a fare di necessità virtù: ieri infatti insieme all’investitura religiosa Legnarello ha festeggiato il Galà del Sole al ristorante di Villa Jucker con una cena a cui è stato invitato come ospite d’onore anche il fantino Giovanni Atzeni detto "Tittia". Legnarello per il 2022 ha una reggenza in parte nuova, a cominciare dal capitano, Matteo Masnata con lo scudiero Matteo Brusa, mentre è stato confermato gran priore Roberto Guidi e castellana Francesca Bandera.

La gran dama, per completare la reggenza, è Cristiana Re Cristiani. Il giuramento, annunciato dalla voce del Palio Andrea Muroni, accompagnato dal suono delle chiarine, è stato senz’altro il fulcro di un pomeriggio intenso e che ha visto anche un momento di valorizzazione delle virtù del territorio.

Si chiama infatti Premio della Bontà quello assegnato dalla contrada durante la cerimonia di investitura alla parrocchia di Santa Teresa del bambin Gesù per il suo impegno nel volontariato in tempo di pandemia. Perché contrade e manieri, non dimentichiamolo, sono anche importanti reti sociali.

Camilla Garavaglia

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?