Scatta l’operazione restyling. L’area ex Cantoni tornerà a vivere

Castellanza, via libera al masterplan Mill. La zona rinascerà grazie a una riqualificazione complessiva da parte di Confindustria Varese che sposterà accanto all’università Liuc la sua sede e molto altro.

Scatta l’operazione restyling. L’area ex Cantoni tornerà a vivere

Scatta l’operazione restyling. L’area ex Cantoni tornerà a vivere

La città approva il nuovo masterplan di Mill (acronimo di Manufacturing, Innovation, Learning, Logistic), con l’area ex-Cantoni tornerà a vivere grazie ad una riqualificazione complessiva da parte di Confindustria Varese che sposterà accanto alla Liuc la sua sede e molto altro. Il via libera lunedì sera in consiglio comunale del nuovo masterplan del progetto che di fatto riqualifica l’area alle spalle dell’università Liuc, abbandonata ormai da anni, per un lotto di intervento di circa 125.000 mq, attraversato dal fiume Olona. Lo scopo è quello di realizzare dei servizi per la collettività e la creazione di funzioni a supporto dell’ambito universitario. In sostanza si prevede la realizzazione della nuova sede Confindustria Varese, il nuovo campus universitario, oltre a servizi e spazi polifunzionali e la riqualificazione delle sponde del fiume Olona. Un investimento importante che porterà a Castellanza il cuore e la testa dell’industria del Varesotto e metterà in comunicazione l’università Liuc, i sei Its nati in questi anni, il cluster Aerospace, il network sull’innovazione digitale basandosi su modelli internazionali come la Silicon Valley o la Stanford University. "Ci vorranno tre anni, ma il lavoro a Castellanza sta procedendo bene" ha spiegato il presidente di Confindustria Varese, Roberto Grassi. "Il piano strategico è un lavoro che abbiamo fatto in coerenza con quanto deciso nella nostra assemblea. Interessa tutto il territorio ed è inclusivo per tutta la provincia. Si sviluppa su cinque linee e Mill è il primo punto. Il tour è un successo e abbiamo un giudizio molto positivo.

È partito dalla base, con tutti i protagonisti del territorio intorno al tavolo. Con noi si sono seduti esponenti del mondo economico, del lavoro, dell’informazione insieme con amministratori e giovani che sono i principali attori del progetto. Le persone che hanno partecipato alla realizzazione del piano hanno visto recepite molte idee che sono uscite dagli incontri. Una riprova è il fatto che molti temi e parole vengono riprese e utilizzate in diverse occasioni".

Nel nuovo piano lo studentato è stato spostato più all’interno dell’area, è stata introdotta una viabilità interna per non gravare su quella pubblica ed è stato realizzato un piano del traffico con alcune opere che dovranno essere realizzate come la rotonda tra via Piola e via Piave. Così il sindaco Mirella Cerini: "Non stiamo andando a fare una modifica per una speculazione. Questo progetto, oltre a portare 2,5 milioni di euro di oneri di urbanizzazione, va a permettere di sistemare un comparto abbandonato da anni, la viabilità intorno e porterà una nuova area verde, la pista ciclabile del progetto Move On e ricadute positive sul tessuto economico della città".