Ruspe all’Istituto Grassi . Giù alberi e vecchio cedro. Arrivano sette nuove aule

Il progetto è stato presentato ieri da Provincia e Amministrazione comunale. Un investimento da due milioni di euro finanziato con i fondi del Pnrr . .

Ruspe all’Istituto Grassi . Giù alberi e vecchio cedro. Arrivano sette nuove aule
Ruspe all’Istituto Grassi . Giù alberi e vecchio cedro. Arrivano sette nuove aule

Sette nuove aule per le classi più numerose del Gb Grassi saranno realizzate abbattendo una dozzina di piante tra cui il cedro Pedro per cui insegnanti e docenti si sono mobilitati. E’ questo il progetto presentato ieri mattina dalla Provincia e dall’Amministrazione comune. Si tratta di un investimento da 2 milioni di euro del Pnrr (con l’aggiunta di 50 mila euro della Provincia) per dare nuovi spazi al liceo che ha necessità di nuove aule ma anche di spazi più grandi per poter accogliere in tutta sicurezza le classi più numerose. Ci saranno 7 nuove aule per un totale 710 metri quadrati. La conformazione dell’istituto e i vincoli legati alla presenza dei binari hanno costretto i tecnici a progettare i nuovi spazi abbattendo alcune piante di alto fusto. Impraticabile, per problemi di tenuta della struttura l’ipotesi di alzare il plesso esistente. Per far spazio alle nuove classi, saranno tagliate 12 piante: 4 di grandi dimensioni e alcuni tigli di dimensioni più contenute. Proprio per questo oltre una compensazione 1 a 1 all’interno dell’istituto "che partirà al termine della realizzazione del progetto" ne sarà realizzata un’altra all’interno del Cdd, centro diurno disabili di piazza Tricolore. Qui, con un investimento di 30 mila euro, si concretizzerà un attento studio che permetterà una riqualificazione del giardino con l’arrivo di nuove essenze".

E il cedro Pedro? La grossa pianta che si trova proprio in mezzo all’area dei lavori sarà abbattuta come spiega l’assessore Franco Casali: "Ci spiace abbattere il cedro ma non ci sono alternative. Noi stiamo lavorando per preservare il verde nonostante i danni del maltempo e del cambiamento climatico. Ma ci sono casi in cui non ci sono alternative. Anche in questo caso il cedro dopo essere stato tagliato sarà trasformato in qualcosa per la scuola, arredi ad esempio in modo che continui ad essere parte del Grassi".

"È un progetto di cui la scuola ha bisogno – ha spiegato la dirigente scolastica Edelweiss Bonelli – ci servono nuovi spazi. Al momento, la scuola conta oltre 900 studenti e abbiamo la rotazione delle classi". I tempi saranno fortunatamente rapidi. I lavori sono già stati aggiudicati e l’impresa prevede 20 mesi di lavoro.