PAOLO GIROTTI
Cronaca

Legnano, nasconde palline di cocaina in bocca e hascisc in auto: pusher denunciato

La polizia locale ha intercettato il 48enne nella zona della stazione ferroviaria. L'uomo è stato denunciato per spaccio

Un appostamento in centro città della polizia locale di Legnano

Un appostamento in centro città della polizia locale di Legnano

Legnano (Milano), 9 maggio 2023 – Aveva palline di cocaina nascoste in bocca al momento del fermo, un etto di hascisc in auto e altre piccole quantità di stupefacenti conservate a casa l’uomo che la polizia locale di Legnano ha individuato e poi denunciato nella giornata di ieri. Nell’ambito dei normali servizi di controllo del territorio effettuati della Polizia Locale di Legnano nell’area limitrofa alla stazione, tra le 16 e le 17, gli agenti del nucleo Falchi hanno incrociato una persona in auto che, avvistate le divise, si è affrettato a nascondere in bocca tre palline di cocaina.

L’uomo, un cittadino italiano di quarantotto anni, è risultato residente a Busto Arsizio. Gli operatori hanno avviato immediatamente la perquisizione del veicolo rinvenendo 100 grammi di hascisc. In seguito la pattuglia si è spostata nella dimora del conducente e, in sinergia con il comando di Polizia Locale di Busto Arsizio, ha proceduto alla perquisizione dell’abitazione trovando telefoni cellulari, presumibilmente rubati, un passaporto tunisino e alcuni grammi di hashish. Il cittadino, con precedenti penali, è stato denunciato a piede libero per spaccio di sostanze stupefacenti e la droga è stata posta sotto sequestro.

“Questa operazione conferma l’efficacia della costante azione di controllo del territorio svolta dagli agenti della Polizia Locale – ha detto a proposito l’assessore al Benessere e sicurezza sociale Anna Pavan -. Quella della stazione è un’area monitorata con grande attenzione dal personale del nostro comando, come dimostrano le diverse operazioni svolte nel tempo e in modalità diverse, tanto con pattuglie nella ZTL come con servizi svolti in borghese. Questi interventi si inseriscono in una strategia di controllo e repressione che in città la Polizia di Stato sta portando avanti con azioni continue e ripetute, potenziate a seguito delle indicazioni avute dal prefetto negli incontri dell’anno scorso. Al personale della Polizia locale e a tutte le forze dell’ordine va il mio grazie per un lavoro di presidio del territorio che contribuisce a evitare il radicamento di fenomeni criminali nella nostra città”.