L’asciutta del Naviglio. Sos per il fondale grigio: "Ma sono soltanto alghe"

Alessandro Folli, presidente del Consorzio di bonifica Est Ticino Villoresi: l’Arpa ha assicurato che non c’è stato alcun inquinamento delle acque.

L’asciutta del Naviglio. Sos per il fondale grigio: "Ma sono soltanto alghe"
L’asciutta del Naviglio. Sos per il fondale grigio: "Ma sono soltanto alghe"

L’asciutta del Naviglio ha portato alla luce, nei giorni scorsi, un fondale di un insolito colore grigiastro. Non si tratta di depositi dovuti alla presenza di inquinanti nell’acqua ma bensì di alghe che si sono sviluppate a causa delle temperature particolarmente miti di questa prima parte dell’inverno. "Dopo le prime segnalazioni che ci erano giunte dai residenti - testimonia Alessandro Folli, presidente del Consorzio di bonifica Est Ticino Villoresi - abbiamo sollecitato un intervento dell’Arpa e il responso è stato che non c’è stato alcun tipo di inquinamento delle acque nel Naviglio. Quello che si vede sul fondo sono sostanzialmente delle alghe". Da una decina di giorni la portata del Naviglio Grande è stata portata da 22 a 6 metri cubi al secondo. "Con questa portata lungo tutta l’asse del canale c’è una presenza di almeno 15 centimetri di acqua, che in alcuni punti, dove ci sono degli avvallamenti sul fondo, si arriva anche ad una profondità di 30-40 centimetri. Quest’acqua - afferma Folli - risulta vitale per la fauna ittica presente nel canale. Proprio per questo motivo sino ad oggi non c’è stata l’esigenza di dover raccogliere il pesce che si addensava, come negli anni scorsi, nelle fosse con pochi centimetri d’acqua. Il nostro personale, nonostante le festività che si susseguono, sta effettuando controlli su tutta l’asta dei canali. Emergenze non ne sono state segnalate". Quest’anno l’asciutta invernale permetterà al Consorzio di intervenire in alcuni tratti dove le sponde sono ammalorate, in particolare lungo il Naviglio Grande, da Vermezzo a Milano, lungo il Naviglio Pavese da Milano a Vellezzo Bellini e lungo il Naviglio Bereguardo a Motta Visconti. I lavori termineranno entro il prossimo mese di marzo. A Milano il Consorzio ha realizzato uno sbarramento provvisorio in prossimità del ponte Richard Ginori per mettere in asciutta il tratto di Naviglio Grande sino ad Abbiategrasso e procedere così alle manutenzioni programmate. Di questo periodo senza acqua approfitterà anche MM SpA, che ha già avviato i lavori per il ripristino definitivo della falla apertasi qualche mese fa nell’alveo del Naviglio proprio in prossimità del ponte Ginori. "Le asciutte sono funzionali al mantenimento delle sponde, in modo da garantire agli agricoltori una quantità di acqua sufficiente alle necessità irrigue nei mesi primaverili ed estivi".