Inveruno fiera di san Martino
Inveruno fiera di san Martino

Inveruno (Milano) - Sospesa lo scorso anno in concomitanza della pandemia da Covid 19, tra qualche settimana a Inveruno tornerà la tradizionale Fiera di san Martino, un momento che richiama l’interesse di molti anche dai Comuni vicini. Con il virus che ancora non è stato completamente debellato non si potrà pensare ad una Fiera come quelle passate, dove le esposizioni degli animali e gli stand dei produttori alimentari, nonchè gli espositori del settore dell’artigianato e dei concessionari d’auto, erano contenuti un capannoni chiusi. L’amministrazione ha pensato ad una sorta di fiera itinerante, con diversi punti di richiamo, tutti all’aperto localizzati per lo più nel centro del paese, per la sola giornata di domenica 14 novembre: in piazza San Martino ci saranno i coltivatori di Campagna Amica, in piazza don Rino Villa le caldarroste con gli Amici del Fulò e le birre del gruppo Rockantina, in via Magenta gli hobbisty, in piazza Mercato il luna park, in largo Pertini le griglie per le costine cucinate dall’Accademia della Costina, al parco comunale di villa Tanzi l’esposizione di piante e fiori. In nessun posto, contrariamente al passato, si potrà restare a mangiare: ci sarà solo la possibilità dell’acquisto e dell’asporto. Altri due punti di richiamo saranno la villa Verganti Veronesi, che ospita una mostra di Giancarlo Colli curata da Inverart, e la Tenuta Bramasole, dove sarà allestita una fattoria didattica per i bambini.

"Anche quest’anno avremo delle limitazioni sulle iniziative e sulla gestione dell’evento – ha detto Sara Bettinelli, sindaco di Inveruno – Nonostante questo, il fatto di avere il sostegno e il patrocinio Regionale, del Ministero dell’Agricoltura e di tanti enti, testimonia la rilevanza che l’Antica Fiera di San Martino ha nel panorama agricolo e della Lombardia". La benedizione dei mezzi agricoli si terrà domenica mattina solo alla presenza di alcuni rappresentanti degli agricoltori. «Riprendiamo , in sicurezza, a vivere le nostre tradizioni – aggiunge Luigi Gariboldi (foto) assessore delegato alla Fiera – Tutti noi vorremmo poter tornare alla normalità del pre-Covid19, ma in questa fase è doveroso e opportuno garantire un evento che possa coinvolgere e testimoniare il senso di San Martino, nel rispetto e nella tutela della salute di tutti". Il giorno successivo per le vie del paese ci saranno le bancarelle della tradizionale fiera merceologica. La sera precedente alla fiera al teatro Brera si terrà un concerto di musica swing promosso dal Polo Culturale del Castanese.