Breccia nelle mura della Tosi. Passo avanti nella città futura

Si apre una breccia nelle mura della Franco Tosi per il nuovo ingresso, simbolo di cambiamento e confronto tra proprietà e amministrazione comunale a Legnano.

Breccia nelle mura della Tosi. Passo avanti nella città futura

Breccia nelle mura della Tosi. Passo avanti nella città futura

Si è aperta una breccia nelle mura della Franco Tosi, ma non è per un crollo o per qualche inatteso accadimento: è solo il primo passo per iniziare a comprendere che aspetto avrà la realizzazione del nuovo ingresso alla fabbrica e agli uffici, un ingresso "nobile" oltre che funzionale e ben strutturato, che possa nei prossimi decenni sostituire, anche nel significato, l’ingresso storico da piazza Monumento, diventato off limits dopo la vendita all’asta di quella parte del comparto a una realtà esterna al gruppo Presezzi, oggi proprietario dell’azienda. In questi giorni un tratto del muro di recinzione che forma l’angolo tra via san Bernardino e via Alberto da Giussano è stato completamente rimosso e sostituito con una copertura temporanea che, prima ancora di svelare una nuova prospettiva degli spazi interni dell’azienda, fa da "apripista" ai lavori di realizzazione del nuovo ingresso, a pochi passi da quello di servizio utilizzato negli ultimi mesi. Nel settembre dello scorso anno agli uffici del Comune era stata presentata la segnalazione di inizio attività per la realizzazione del nuovo accesso.

Calcoli alla mano era risultato impossibile immaginare la realizzazione di una rotonda all’incrocio tra via San Bernardino, Alberto da Giussano e via Goito a causa dello spazio insufficiente a meno di utilizzare anche una porzione di area ex Tosi ancora interessata dalle procedure di liquidazione, sul lato opposto di via san Bernardino. In sostanza si lavorerà, dunque, "tagliando" l’angolo tra via san Bernardino e via Alberto da Giussano, lasciando una sorta di spartitraffico a separare l’area d’ingresso e di manovra dalla sede stradale pubblica vera e propria. I lavori dovranno essere ultimati entro l’estate.

Tutto questo accade mentre sul tavolo è aperta la discussione tra la proprietà Franco Tosi e l’amministrazione comunale: la situazione fortemente conflittuale che aveva caratterizzato gli ultimi mesi e che riguarda il futuro delle aree disegnato dal nuovo Pgt potrebbe essere superata dopo l’incontro, quasi casuale, avvenuto poche settimane fa a Palazzo Malinverni tra il patron della Franco Tosi, Alberto Presezzi, e il sindaco Lorenzo Radice. Saranno però le prossime settimane a chiarire se si è davvero aperta una nuova fase. P.G.