CHRISTIAN SORMANI
Cronaca

Ac Legnano in Eccellenza, la promessa dell’avvocato Pipitone: "Entro giovedì l’iscrizione"

Pare scongiurata la parola ‘fine’ sulla storia calcistica, ma la situazione resta ancora ingarbugliata dal punto di vista economico. Si pensa a un prestito

Squadra e tifosi del Legnano. Nel riquadro, l'avvocato Giuseppe Pipitone

Squadra e tifosi del Legnano. Nel riquadro, l'avvocato Giuseppe Pipitone

Legnano (Milano) – “Iscriveremo sicuramente la squadra in Eccellenza fra martedì e giovedì della prossima settimana". L’avvocato dell’Ac Legnano, Giuseppe Pipitone, promette che non si scriverà la parola “fine” alla storia del Legnano calcio.

"Nelle scorse ore abbiamo rappresentato le nostre volontà e intenzioni al Comune di Legnano che si è preso fino a lunedì per decidere". La decisione riguarda la convenzione per la gestione dello stadio Giovanni Mari. Così l’assessore allo sport del comune di Legnano, Bragato: "Ci hanno rappresentato le loro volontà, raccontandoci anche la loro situazione e stiamo valutando con gli uffici del punto di vista tecnico cosa si può fare. Nei prossimi giorni ci saranno novità sicuramente". Una questione delicata perché se da parte sua Enea Benedetto, patron lilla, col tramite del suo legale tranquillizza la piazza scongiurando l’ennesimo fallimento, dall’altra il Comune vuole che ci siano le opportune garanzie prima di restituire le chiavi del campo e della sede di via Palermo ai dirigenti lilla.

Una questione aperta, perché da un lato le quote societarie dell’Ac Legnano sono state sequestrate dal Gip di Alessandria, non permettendo alcuna gestione finanziaria. Dall’altro Enea Benedetto ha candidamente spiegato: "Per l’Ac Legnano potremmo pensare di ricorrere ad un prestito che si converta in quote della società onde poter avere le risorse necessarie per chiudere le pendenze ereditate dalle passate stagioni ed avere un budget preventivo per la stagione appena cominciata". Prestito pur sempre legato al dissequestro delle quote. Una matassa molto ingarbugliata quella del Legnano calcio, che al momento non vede alcuno spiraglio nonostante le rassicurazioni.

A Siena, con patron Emiliano Montanari al comando, per non perdere tempo in chiacchiere il Comune ha formato un’altra società partendo dall’Eccellenza, nonostante la Robur non sia tecnicamente mai fallita. Si attende anche a Legnano una eventualità simile portando avanti altre realtà locali che la gc potrebbe premiare dando al "nuovo" Legnano direttamente l’Eccellenza come categoria. Siamo pur sempre nell’ambito delle ipotesi, poiché il tempo sta scadendo e si rischia un anno senza calcio e con il Mari terreno incolto fino alla disputa del prossimo Palio nel maggio 2025.