Weekend da bollino rosso, traffico da esodo e rischio meteo: ecco strade e autostrade da evitare

Per venerdì 28, sabato 29 e domenica 30 luglio, l’Anas prevede intenso traffico sulle dorsali adriatica, tirrenica e jonica. Allarme per temporali e grandine. Previsti divieti di transito per i mezzi pesanti

Previsto un intenso traffico sulle principali autostrade nonché in uscita e in prossimità dei centri abitati

Previsto un intenso traffico sulle principali autostrade nonché in uscita e in prossimità dei centri abitati

Milioni di italiani sono pronti a mettersi in viaggio nel weekend di sabato 29 e domenica 30 luglio. L’Anas, l’agenzia che gestisce la viabilità nazionale, prevede un traffico intenso su strade e autostrade. Per facilitare la circolazione e limitare i restringimenti di carreggiata, ha ridotto del 65% il numero di cantieri presenti sulla rete nazionale fino al 6 settembre. Ciononostante, Viabilità Italiana prevede comunque traffico da bollino rosso per entrambi i giorni del fine settimana. Al seguente link la mappa aggiornata in tempo reale della viabilità.

Approfondisci:

Allarme temporali e grandine, traffico a rischio: sabato 29 e domenica 30 da bollino rosso

Allarme temporali e grandine, traffico a rischio: sabato 29 e domenica 30 da bollino rosso

Meteo a rischio e divieti di transito

A queste criticità si aggiungono previsioni meteo piuttosto critiche . La Protezione civile avverte che nel fine settimana a sulle strade potranno verificarsi rovesci di forte intensità, accompagnati da fulmini, grandinate e raffiche di vento. Le autorità hanno emesso un divieto di transito dei mezzi pesanti in vigore venerdì 28 luglio dalle 16.00 alle 22.00, domani sabato 29 luglio dalle 8 alle 16 e domenica 30 luglio dalle 7.00 alle 22.00.

Le tratte con traffico più intenso

Le tratte interessate sono soprattutto le dorsali adriatica, tirrenica e jonica nonché i valichi di confine in direzione di Francia, Slovenia e Croazia. Si prevede, inoltre, un consistente flusso di traffico in uscita e in prossimità dei centri urbani, soprattutto a partire dal tardo pomeriggio di domenica, in concomitanza con i rientri del fine settimana.

Il traffico potrebbe riguardare in particolare i principali itinerari turistici: la A2 "Autostrada del Mediterraneo” che attraversa Campania, Basilicata e Calabria; la statale 106 Jonica e la statale 18 Tirrena Inferiore in Calabria; le autostrade A19 Palermo-Catania e A29 Palermo-Mazara del Vallo in Sicilia; la strada statale 131 Carlo Felice in Sardegna; la strada statale 148 Pontina nel Lazio, arteria particolarmente trafficata che insieme alla SS7 "Appia" assicura i collegamenti tra Roma e le localita' turistiche del basso Lazio.

Inoltre: tutto l'Itinerario della E45 (SS675 e SS3 bis) che interessa Umbria, Toscana, Emilia Romagna e collega il nord est con il centro Italia; le direttrici SS1 Aurelia (Lazio, Toscana e Liguria), SS16 Adriatica (Puglia, Molise, Abruzzo, Emilia-Romagna e Veneto). Infine, al nord, i Raccordi Autostradali RA13 ed RA14 in Friuli-Venezia Giulia verso i valichi di confine, la SS36 del Lago di Como e dello Spluga in Lombardia, la SS45 di Val Trebbia in Liguria, la SS26 della Valle D'Aosta, la SS309 Romea tra Emilia-Romagna e Veneto e la SS 51 di Alemagna in Veneto.