La cabina della funivia precipitata
La cabina della funivia precipitata

Verbania, 11 ottobre 2021 -  E' il giorno della rimozione della cabina numero 3 della funivia del Mottarone, precipitata lo scorso 23 maggio causando la morte di 14 persone. Le operazioni di questa mattina saranno condotte dai vigili del fuoco del Comando del Verbano Cusio Ossola, incaricati dalla Procura di Verbania.

Dopo l'abbattimento di circa 80 alberi nel bosco dove è precipitata la cabina dopo il volo causato dalla rottura della fune traente e dal blocco dei freni causato dai "forchettoni" inseriti nel sistema di emergenza, la procedura prevede che la cabina "venga - spiegano i vigili del fuoco di Verbania - in prima battuta messa in sicurezza e stabilizzata con opere provvisionali appositamente costruite".

Nei prossimi giorni, poi, si procederà tagliando la porzione del relitto che contiene la cosiddetta "testa fusa", il cilindro che collegava il carrello con la cabina. Il taglio sarà effettuato mantenendo il più possibile l'integrità del relitto, prerogativa essenziale di questa
operazione. Con l'ausilio dell'elicottero, i vigili del fuoco provvederanno infine alla definitiva rimozione dei reperti che verranno conservati in appositi locali alla stazione intermedia dell'Alpino, a disposizione per gli accertamenti successivi.

Il trasporto vero e proprio non dovrebbe essere effettuato prima di giovedì, ma la tempistica può essere influenzata da vari fattori esterni, non ultime le condizioni meteo. Già da questa mattina comunque al Mottarone saliranno i componenti del collegio dei periti nominato dal tribunale.