Schianto, muore donna di 42 anni

L’incidente in Valle Imagna, il figlio ha scorto il veicolo del padre piombato nella fitta vegetazione

Schianto, muore donna di 42 anni

Schianto, muore donna di 42 anni

BRUMANO (Bergamo)

A trovarlo sono stati sua moglie Antonella e il figlio Simon, partiti alla sua ricerca dopo che non rispondeva alle ripetute chiamate al telefono. Dalla casa di Sant’Omobono Terme madre e figlio hanno raggiunto la strada sterrata che dall’abitato di di Brumano conduce alla baita di famiglia, in Valle Imagna. Marco Angiolini, 59 anni, ex operaio stradale ormai in pensione, si era capottato con la jeep per una quindicina di metri. Il figlio è sceso lungo il pendio per soccorrerlo, ma lo ha trovato morto all’interno dell’abitacolo. L’allarme è stato dato alle 19.30 di venerdì, ma l’incidente è avvenuto dopo pranzo, probabilmente intorno alle 14. Prima, alle 13.30, Angiolini era passato al cimitero a fare visita alla tomba di suo padre. Aveva ereditato da quest’ultimo la baita verso cui era diretto, a Brumano, nei boschi sopra la frazione di Orso. In quella zona ci andava spesso a camminare, a volte a fare legna. Aveva imboccato la strada sterrata a bordo della sua jeep, come faceva di solito. A dieci minuti a piedi dall’incrocio con la provinciale, in un tratto in discesa che conduce a una curva, l’uomo deve aver perso il controllo dell’auto, forse le gomme sono slittate sul terreno impervio. La jeep ha tagliato la curva, è uscita dalla carreggiata ed è precipitata per quindici metri tra la vegetazione, fermandosi tra due rocce. Quando moglie e figlio hanno trovato il telefonino, si sono affacciati ma l’auto era nascosta dalle foglie degli alberi. A quel punto, il figlio Simon si è calato lungo la scarpata e ha individuato l’auto e suo padre morto all’interno.

Il corpo del pensionato è stato recuperato solo dopo le 22 di venerdì sera, quando sul luogo della tragedia era arrivata anche la figlia Suyen. Le operazioni sono state particolarmente complesse proprio perché il punto era molto scosceso e tra gli alberi. Per il recupero è stato anche necessario disboscare parzialmente alcuni passaggi. Il pm di turno ha dato subito il nulla osta per i funerali. Marco Angiolini e la moglie, già nonni, erano appena tornati da Santiago di Compostela, che avevano raggiunto percorrendo il sentiero portoghese.

Francesco Donadoni