Quotidiano Nazionale logo
5 mar 2022

Cure in Canton Ticino, Campione d'Italia chiede aiuto a Roma

Il sindaco Canesi insieme al ministero degli Esteri sta cercando di spingere il Pirellone a riconoscere tutte le spese mediche dei residenti

23-09-2020 CAMPIONE D'ITALIA COMO ROBERTO CANESI ELETTO SINDACO PRIMO CITTADINO
FOTORIPRODUZIONE CUSA CELL.335 6855682
fabriziocusa@gmail.com
Roberto Canesi, sindaco di Campione d'Italia

Campione d'Italia - Si tratta sui tavoli della politica, in Regione a Milano ma anche a Roma attraverso i buoni uffici del Ministero degli Esteri, ma è stato preparato anche un ricorso al Tar per ora presentato dai privati, per permettere ai residenti di Campione d’Italia di continuare a farsi curare negli ospedali e nelle cliniche del Canton Ticino. Un affare che vale alcuni milioni di euro l’anno al centro di una querelle con il Pirellone che nei mesi scorsi ha varato un regolamento che impone ai cittadini dell’exclave di curarsi oltreconfine, ovvero in Italia, per tutte le prestazioni che non sono caratterizzate da urgenza. Fosse stato per la Regione, che un paio di anni fa presentò una richiesta di rimborso nei confronti del Comune di 87 milioni di euro a fronte dei rimborsi versati dal 2005 per coprire le spese mediche in Svizzera dei campionesi, il nodo sarebbe stato ancora più stretto. Per fortuna insieme al buon senso è prevalsa la constatazione che l’elisoccorso dall’Italia non può sorvolare il territorio della Svizzera che è uno stato extra Ue. "Preservare le peculiarità dell’assistenza sanitaria campionese e continuare a offrire ai cittadini risposte adeguate alle esigenza di tutela della salute è l’impegno prioritario dell’amministrazione comunale di Campione d’Italia - spiega il sindaco, Roberto Canesi che non ha mai smesso di trattare con Regione e Governo, anche se in via cautelare ha presentato un ricorso al Tar contro il provvedimento - Abbiamo avviato un confronto con il coinvolgimento attivo dei rappresentanti politici, locali e nazionali, e che ha portato all’importante decisione condivisa di costituire un apposito tavolo tecnico-istituzionale, italo svizzero, attorno al quale far sedere tutti gli attori coinvolti nell’organizzazione dell’assistenza sanitaria campionese perché venga individuata una soluzione operativa che, pur nel rispetto delle prescrizioni nazionali e regionali, tenga in debito conto le ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?