Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
10 giu 2022
10 giu 2022

Como, l'appello di Daniela al padre: "Solo lui ora può salvarmi la vita"

L'infermiera di di San Vittore Olona ha provato a mettersi in contatto, ma finora non c'è stata risposta 

10 giu 2022
Daniela Molinari ha iniziato la sua cura
Daniela Molinari ha iniziato la sua cura (foto Fb)
Daniela Molinari ha iniziato la sua cura
Daniela Molinari ha iniziato la sua cura (foto Fb)

Como, 10 giugno 2022 – Con l’aiuto dei social network e di quella rete invisibile, ma concreta, di amici e persone che si sono prese a cuore il suo caso, Daniela Molinari spera di riuscire a vincere la sua battaglia per la vita. “In questo periodo le mie forze sono sempre meno, fatico a guardare lo schermo del telefonino per scrivere – spiega – ho subito un intervento chirurgico piuttosto fastidioso, ma non è quello che mi fa star male. È la situazione generale che mi portata a faticare a respirare, a parlare, a riprendermi, ogni volta è più dura nonostante io non voglia mollare”.

L’infermiera di San Vittore Olona la cui storia aveva commosso l’Italia intera si è sottoposta a una cura sperimentale molto costosa e non riconosciuta dal Sistema sanitario nazionale, solo per il primo ciclo di cure sono necessari 140mila euro raccolti in parte – 74mila euro – grazie al sostegno di migliaia di persone che hanno raccolto il suo appello effettuando una donazione sulla piattaforma Gofundme (https://www.gofundme.com/f/daniela-un-aiuto-concreto-per-le-sue-cure). La cura però rischia di essere inefficace senza il Dna del padre di Daniela, alla quale la donna lancerà un appello mercoledì prossimo dalla trasmissione tv “Chi l’ha visto”.

“Ho ancora avuto bisogno di ricorrere nei giorni prima dell'intervento all’aiuto della televisione - prosegue - mercoledì prossimo andrà in onda il pezzo su Rai Tre a "Chi l'ha visto". Stanno provando ad aiutarmi in ogni modo e lì ringrazio. Mi sembra di essere tornata indietro mesi a quando non sapevo nemmeno se avrei potuto cominciare la cura, perché non trovavo la mia mamma e poi quando l'ho trovata mi aveva negato l'aiuto ora sono un po' nella stessa situazione devo continuare le cure il mio fisico non regge e sicuramente le ricerche delle mie origini che sono arrivate ad un dunque anche dalla parte paterna potrebbero darmi un ulteriore aiuto, ma io non sono più forte come prima, anche se ci provo in ogni modo. Ed ho bisogno davvero dell'aiuto di tutti, per lottare e soprattutto vincere la guerra”.

Nelle scorse settimane Daniela attraverso un percorso molto complesso partito da una ricerca sul proprio Dna è riuscita a risalire a un lontano parente che vive in Francia e a sua volta l’ha indirizzata ad altri parenti in Liguria e da qui è risalita in provincia di Como, sul lago, dove vive il suo padre biologico che ha provato a contattare senza alcun risultato. “In questi giorni ho trovato anche il mio papà. Mi rimetto alla riflessione dichi dovrà riflettere e scegliere cosa fare aiutare o nascondere la testa sotto la sabbia come gli struzzi. Finirà tutto questo prima o poi?”.

La speranza è nell’aiuto del padre o delle sorelle e i fratelli biologiche che, nel più completo anonimato, fornendo un campione del loro sangue, potrebbero salvarle la vita. Un gesto che non costa nulla e può fare tantissimo“Non so come andrà a finire questa esperienza di vita dolorosa e pazzesca, ma sono arrivata alla conclusione che quello che ho vissuto e sto attraversando potrà servire a smuovere le coscienze, perché come ci sono tante persone buone che si mettono a disposizione degli altri come ce ne sono altrettante che non riescono a capire l'importanza della vita e fanno muro in tutti i modi per non aiutare”

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?