Tragedie in Valcamonica, sport in lutto: morti Walter Bassi e Stefano Martinelli

Il 59enne di Esine è caduto durante un’uscita di scialpinismo; il 65enne, presidente della Corrintime è precipitato da un albero

Walter Gualtieri Bassi morto in Valcamonica

Walter Gualtieri Bassi morto in Valcamonica

Tragica domenica ieri per l’atletica italiana, che in contemporanea ha perso due protagonisti del movimento bresciano e lombardo. Le vittime sono Gualtiero Bassi – più conosciuto come Walter – cinquantanovenne di Esine, presidente della società camuna Corrintime, morto per un incidente in montagna nella sua Valcamonica.

Sempre in mattinata, a distanza di una manciata di minuti, è deceduto un altro nome molto noto dello sport: Stefano Martinelli, 65 anni, originario di Concesio, direttore tecnico della storica società Atletica Brescia 1950, che sotto la sua egida per ben cinque volte consecutive ha conquistato altrettanti scudetti assoluti femminili su pista.

Martinelli ha perso la vita cadendo da un albero, forse per colpa di un malore, a Lozio. Erano circa le nove e mezza. Il tecnico si era arrampicato su una pianta nei pressi della Provinciale 92, pare per allestire alcuni box per volatili.

All’improvviso per ragioni da appurare ha perso l’equilibrio ed è precipitato al suolo davanti agli occhi della moglie. Sul posto sono arrivati i mezzi del 118, compreso l’elisoccorso, insieme ai vigili del fuoco e ai carabinieri della Stazione di Breno. Salvare Martinelli si è rivelato impossibile. È deceduto sul colpo. "Abbiamo perso una grande persona", è il commento a caldo della società.

Più o meno alla stessa ora, sempre in Valcamonica, stavolta sui monti di Cimbergo, è morto Walter Bassi. Bidello all’istituto Olivieri di Darfo, il 59enne era uscito con un amico per godersi una giornata di scialpinismo quando lungo il percorso che sale al bivacco Macherio, a circa 2.600 di quota, affrontando uno sperone roccioso al centro della conca del Tredenus, è volato nel vuoto. È precipitato per almeno duecento metri. Il recupero è stato a opera dei tecnici del Soccorso alpino e speleologico della Guardia di finanza di Breno, intervenuti con i vigili del fuoco e l’elisoccorso di Trento. Anche per lui non c’è stato nulla da fare. Appassionato di corsa, maratoneta di alto livello, tecnico federale della Nazionale di corsa in montagna, Bassi era uno stimato allenatore oltre che un organizzatore di eventi. Aveva fondato appunto la Corrintime.