Recinzioni scavalcate e fuga sui tetti. Ladri acrobati a mani vuote

Due tentativi di furto falliti nel weekend: a Crema un ladro è stato messo in fuga da un padrone di casa, mentre a Rivolta d'Adda tre malintenzionati sono stati bloccati dall'allarme di un autosoccorso.

Due tentativi di furto andati a vuoto tra sabato e domenica. Il primo a Crema, sabato alle 19. In via Torre, a Ombriano, dove un padrone di casa ha visto un ladro entrare nella sua abitazione da una delle finestre aperte e lo ha messo in fuga. Il ladro è riuscito a dileguarsi saltando da un tetto all’altro fino ad arrivare a un’auto bianca con strisce bianche sulla capote, dove c’era ad attenderlo un complice. Il secondo tentativo a Rivolta d’Adda, nella notte, ai danni dell’autosoccorso Scaramuzza. Obiettivo: un carroattrezzi nuovo da 100mila euro. Tre i malintenzionati che, con il volto nascosto da un cappuccio, hanno scavalcato la recinzione. Una volta dentro hanno tentato di aprire il portone del capannone ma è scattato l’allarme.P.G.R.