Denunciato come stalker a Como: "Non l’ho mai minacciata"

Un 47enne di Monza è processato per atti persecutori nei confronti della sua compagna 42enne di Mariano Comense, dopo dieci anni di convivenza. L'uomo nega le accuse ma testimoni confermano l'accanimento.



Denunciato come stalker a Como: "Non l’ho mai minacciata"

Denunciato come stalker a Como: "Non l’ho mai minacciata"

Dalla moglie non si era mai separato, nonostante avesse iniziato una relazione stabile con un’altra donna, dalla quale aveva avuto una figlia. Ma dopo dieci anni di convivenza, l’altra compagna aveva scoperto che lui nel frattempo aveva avuto un altro figlio dalla ex moglie, che continuava a frequentare. Aveva così deciso di mettere fine alla relazione, andando incontro a una serie di atti persecutori che ora hanno portato l’uomo a processo. I fatti risalgono al 2019 quando l’uomo, un 47enne residente in provincia di Monza, allontanato dalla compagna 42enne di Mariano Comense, avrebbe iniziato a insultarla, seguirla ovunque, minacciarla di morte, perseguitarla con ogni mezzo al punto di spingerla a cambiare itinerario per andare al lavoro o a prendere la bimba a scuola nel timore di incontrarlo. Allora lei aveva sporto denuncia ai carabinieri, che già all’epoca avevano eseguito a carico dell’imputato una misura cautelare di allontanamento dalla persona offesa. Ma il 47enne ha sempre negato l’accanimento e ora ha deciso di andare a processo per dimostrare che quella relazione non sarebbe mai sfociata nelle condotte violente di cui è accusato: a sua discolpa, ha portato testimoni come i titolari di locali pubblici saltuariamente frequentati dalla coppia, ai quali non è mai capitato di vederli litigare. Pa.Pi.