Noemi
Noemi

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Radio Italia in trasferta. Nell’attesa di salire l’11 settembre sul palco dl Carroponte, Noemi vola in Sardegna, ospite la prossima settimana dell’emittente milanese al Tanka Village di Villasimius. Da lunedì scorso, infatti Radio Italia è presente in forze oltre Tirreno, dove rimane coi suoi speaker e il suo intrattenimento fino a Ferragosto, accogliendo fra gli altri amici come Umberto Tozzi, Noemi e Sangiovanni. "Finalmente mi prenderò due giorni di relax visto che, causa tour, questa estate il mare l’ho visto col cannocchiale" scherza la cantante romana, al secolo Veronica Scopelliti. "Da un lato la spiaggia mi manca un po’, ma dall’altro sono felicissima di stare di nuovo sul palco".

Che spettacolo sta portando in tour?

"Ho colto al balzo l’occasione di queste riaperture per fare qualcosa di diverso, puntando su contrabbasso, pianoforte, violoncello, loop di batteria per mettere i miei pezzi sotto una luce diversa. Oltre al repertorio più conosciuto propondo quello del nuovo album “Metamorfosi“ e, ogni sera, mi piace vedere l’effetto che fa. Il pubblico è una cartina di tornasole fondamentale".

Soddisfatta delle reazioni?

"Sono abituata a non dare alcunché per scontato e ritrovarmi davanti ogni sera tanta gente è confortante. A Sanremo ho iniziato, infatti, un nuovo percorso e, sera dopo sera, è bello scoprire che hanno voglia di seguirlo così in tanti".

Per non farsi mancare nulla ha pubblicato pure un singolo estivo con Carl Brave, arrivato frattanto al disco d’oro.

"Già. Sono contenta di avere nel mio repertorio un pezzo lieve come 'Makumba', anche perché l’incontro con Carl Brave è stato molto divertente. In questo periodo storico ci sta di allontanare le vibrazioni negative con un’ondata di ottimismo. E poi, pur nella sua semplicità, 'Makumba' m’ha permesso di aggiungere ulteriori colori alla tavolozza cromatica della mia vita".

A proposito d’estate, qual è la sua playlist?

"Mi piace un sacco ‘Mi fai impazzire’ di Blanco, ma pure ‘Spigoli’ di Mara Sattei e Carl Brave. Anche 'Mille' è molto carina, perché diverte sentire Orietta Berti cantare con la sua voce inconfondibile un ritornello anni Sessanta accanto a Fedez e ad Achille Lauro".

Tre mesi fa è entrata nella colonna sonora italiana di "Noi Principesse Sempre" della Disney e sabato prossimo va al Giffoni Film Festival a confrontarsi con i ragazzi. Cosa s’aspetta?

"Mi piace stare connessa con tutto e con tutti, quindi anche con i più giovani. Non per niente sono dell’acquario, aperta alle esperienze. Il pezzo s’intitola, poi, 'Un nuovo inizio' e ha un messaggio che mi sento molto addosso; giusto per i ragazzi, ma soprattutto per i loro genitori perché è soprattutto nell’età matura, quando non hai più tutta la vita davanti, che non devi perdere la voglia di ripartire, di ricominciare, di ricostruirti".