L'elisoccorso a Villa di Tirano
L'elisoccorso a Villa di Tirano

Villa di Tirano (Sondrio) - E' ancora ricoverato in prognosi riservata all’ospedale al Papa Giovanni XXIII di Bergamo con gravi ustioni il bimbo di cinque anni, deve compierne sei a settembre, investito insieme al padre di 46 anni da una fiammata nella serata di sabato a Villa di Tirano. Si indaga sulla dinamica dell’incidente che è avvenuto all’esterno di un’officina di riparazioni moto dove all’improvviso si è scatenato l’infermo.

Come hanno confermato i carabinieri che si occupano di ricostruire cosa abbia scatenato il rogo, sembra che la causa sia dovuta alla benzina rovesciata all’interno del furgone sul quale viaggiavano padre e bimbo. Stavano trasportando alcune motociclette per alcune riparazioni. Quando sono arrivati nel piazzale davanti all’officina della frazione Ragno, in via Nazionale, sono scesi e hanno aperto il portellone. È in quell’istante che si è scatenato l’inferno con una tremenda fiammata che ha investito tutti e due all’improvviso, senza che potessero fare nulla per mettersi al riparo. Sembra  che durante il trasporto alcune moto infatti sarebbero cadute rovesciando della benzina all’interno del furgone. Per colpa di un contatto o per il grande calore poi, quando hanno aperto il portellone, si è innescata la fiammata che li ha investiti come un’esplosione.

L’allarme è scattato immediatamente anche perchè c’erano  alcune  persone  presenti nell’officina. Vista la gravità della situazione per soccorrerli sono intervenuti due elicotteri e altrettante ambulanze. L’uomo è stato trasportato d’urgenza con l’elicottero del 118 all’ospedale Niguarda di Milano, specializzato nel trattamento delle ustioni il figlio sempre con l’eliambulanza al Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Sono le sue sorti a preoccupare maggiormente.