Quotidiano Nazionale logo
23 feb 2022

Video rap e sassaiola in stazione Ventunenne a processo per lesioni

Il giovane senza fissa dimora è stato giudicato per direttissima e i magistrati hanno disposto l’obbligo di firma in questura

francesco donadoni
Cronaca
Un’immagine dell’aggressione
Un’immagine dell’aggressione
Un’immagine dell’aggressione

di Francesco Donadoni È finito a processo per direttissima dopo la sassaiola contro le forze dell’ordine di lunedì sera alla stazione. Si tratta di R.S., 21 anni, personaggio noto in questura, che vive tra la stazione e qualche amico che lo ospita. Insomma, un senza fissa dimora. Resistenza, violenza e lesioni (tre giorni di prognosi) ad una carabiniera colpita ad una gamba dal lancio di una pietra i reati di cui doveva rispondere. Dalla ricostruzione fatta in aula della polizia, il 21 enne ha lanciato sassi (tre quelle trovate addosso dagli agenti) e aizzato la folla. Lui non ha negato la partecipazione. Davanti al giudice (collegiale presidente Stefano Storto) ha detto di aver avuto solo una pietra addosso. R.S., origini marocchine (ma poi ha aggiunto che i suoi genitori erano italiani che vivevano Ucraina e che sarebbero morti) ha una recente denuncia per tentato furto, una segnalazione per droga e un altro episodio per furto aggravato. Nel suo racconto il 21enne, assistito dall’avvocato Paola Villa, con un tono quasi strafottente, tant’è che è stato ripreso dal presidente, ha aggiunto di avere addirittura una condanna per omicidio a Napoli, nel 2016, ma nel casellario giudiziario non c’è traccia. Il collegio di giudici ha disposto l’obbligo di firma quotidiano in questura. Il difensore del 21enne ha chiesto termini a difesa, processo aggiornato al 15 marzo. I fatti sono accaduti nel tardo pomeriggio di lunedì. Quasi trecento giovani si erano radunati per guardare un rapper impegnato a girare un video. Alcuni si erano trovati un po’ per partecipare alle riprese. Ma la situazione ad un certo punto ha preso una piega diversa tant’è che qualcuno ha cominciato a lanciare sassi all’indirizzo delle forze dell’ordine. Uno schieramento composto da polizia, carabinieri e agenti della Polizia locale che hanno cercato di disperdere la folla. C’è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?