Il Comune di Poggiridenti, a seguito degli episodi che hanno visto abbattersi, durante la scorsa estate, una serie di bombe d’acqua che hanno causato diversi disagi alla popolazione – ad esempio la località Pignotti era finita letteralmente sott’acqua per due volte nel giro di circa 15 giorni (25-30 i centimetri di pioggia...

Il Comune di Poggiridenti, a seguito degli episodi che hanno visto abbattersi, durante la scorsa estate, una serie di bombe d’acqua che hanno causato diversi disagi alla popolazione – ad esempio la località Pignotti era finita letteralmente sott’acqua per due volte nel giro di circa 15 giorni (25-30 i centimetri di pioggia per le strade, garage allagati e vigili del fuoco al lavoro) – in questi mesi ha portato avanti uno studio di fattibilità ed una pulizia intensiva delle condotte principali delle acque bianche, in modo da evitare ulteriori fuoriuscite dalle condotte principali. Questa operazione si somma al rilievo, su incarico di Secam, di tutto il sistema fognario del paese.

"Si tratta di un intervento massiccio di pulizia minuziosa – ha dichiarato il sindaco del paese, Giovanni Piasini – I lavori su tutta la rete delle acque bianche sono stati quintuplicati. Tutto questo è stato fatto in modo da cercare di essere pronti, nell’eventualità si ripetano precipitazioni così intense, con la migliore rete fognaria possibile. E di conseguenza creare il minor numero di disagi tra la popolazione". Pulizia preventiva in modo da evitare possibili "ingorghi" nella rete e ridurre le possibilità di fuoriuscite, quindi.

Purtroppo, però, non sembrerebbe possibile impedire al cento per cento che questi episodi si ripetano nel futuro. "Si tratta comunque di fenomeni eccezionali – continua Piasini – abbiamo consultato alcuni ingegneri idraulici che ci hanno confermato come quando arrivano queste bombe d’acqua, l’unico modo per prevenire allagamenti è quella di mantenere i condotti e tutta la rete il più pulita possibile".

G.M.