Sondrio, garage come abitazioni: "Le autorità intervengano"

Segnalate situazioni preoccupanti nell’area della Piastra. Chiesta anche la riapertura del posto di Polizia nella stazione del capoluogo

Due agenti di Polizia all’interno della stazione ferroviaria. L’ufficio Polfer è però chiuso da anni

Due agenti di Polizia all’interno della stazione ferroviaria. L’ufficio Polfer è però chiuso da anni

Sondrio – Intervenire per risolvere alcune situazioni di disagio come i bivacchi (con tanto di tende) nei garage di alcuni palazzi della zona Piastra-via Maffei e la situazione poco chiara della moschea in via Tremogge. E riaprire il posto di Polizia alla stazione ferroviaria di Sondrio. È questo l’invito, rivolto alle autorità competenti, dalla sezione sondriese di Fratelli d’Italia che, nei giorni scorsi, ha rilevato queste problematiche che minano la sicurezza dei sondriesi e di chiunque transiti per il capoluogo.

«Fratelli d’Italia Sondrio plaude all’accordo tra enti sottoscritto in Prefettura anche dal Comune di Sondrio per l’attuazione di undici nuovi Patti per la sicurezza urbana – afferma il referente meloniano per i rapporti con le forze dell’ordine, Mauro Verga - esprime altresì soddisfazione per i brillanti risultati ottenuti dalla giunta Scaramellini riguardo al bando periferie certificato dalla Presidenza del Consiglio e dalla Corte dei Conti, in particolare per il quartiere "La Piastra", segno tangibile di affidabilità e rispetto degli impegni presi in campagna elettorale in tema di sicurezza cittadina anche dal nostro partito".

Essendo per Fratelli d’Italia il tema sicurezza un "argomento prioritario, non possiamo tacere, però, di fronte alle molteplici segnalazioni che giungono alla nostra sede (puntualmente girate alle forze dell’ordine) riguardo a situazioni che indicano un aumento dell’illegalità diffusa e percepita, confermato anche dai dati forniti nel corso della recente festa della Polizia dal questore di Sondrio. Pertanto, nel confermare il nostro sostegno e la nostra vicinanza alle forze dell’ordine, presidio di sicurezza per tutti i cittadini, chiediamo e auspichiamo che il prefetto lavori per riaprire il posto di Polizia alla stazione di ferroviaria di Sondrio, luogo di evidente allarme sociale, come chiesto anche dai sindacati di Polizia.

Chiediamo anche che si intervenga per risolvere alcune situazioni di disagio in via Maffei e per la situazione quantomeno poco chiara della moschea in via Tremogge, dove si riuniscono centinaia di persone. Vogliamo sapere, per esempio, se il locale dove c’è la moschea e non un centro culturale è a norma anche alla luce delle novità sulle moschee già approvate alla Camera".