Pavia, dal parcheggio si esce solo invadendo la corsia preferenziale: ma il comune fa una raffica di multe

Dopo la riqualificazione di piazzale Ghinaglia, è inevitabile incorrere nell’infrazione per mancanza di spazio. Ma le telecamere riprendono e le sanzioni arrivano

Telecamere (Foto d'archivio)
Telecamere (Foto d'archivio)

Pavia, 15 gennaio 2024 – Raffica di multe a chi parcheggia in piazzale Ghinaglia e non perché lascino l’auto in divieto di sosta, ma perché invadono la corsia riservata ai bus. Peccato che non si possa fare altrimenti, per uscire dallo spazio o fare inversione, si è costretti a invadere la corsia riservata e le telecamere posizionate per riprendere i “furbetti” che transitavano sul ponte pur non avendone diritto, riprendono l’infrazione.

“Ho ricevuto tre multe uguali prese in tre giornate diverse – ha raccontato un automobilista – e ne aspetto altre per le volte in cui ho parcheggiato nel mese di dicembre. Ho inviato una pec chiedendo l’annullamento delle sanzioni. Aspetto una risposta”.

Altri hanno chiesto l’annullamento rivolgendosi alla polizia locale, mentre c’è chi si è rivolto al giudice di pace e chi alla prefettura. Di certo, nessuno vuole pagare e tacere. Il problema si è presentato dopo la conclusione della riqualificazione di piazzale Ghinaglia dove sono stati realizzati dei tratti di marciapiede a sud del ponte coperto, un’aiuola spartitraffico prima dell’ingresso sul ponte e la rotatoria di intersezione tra via dei Mille e via XXV Aprile. Inoltre è stata realizzata una pista ciclopedonale che non ha trovato proprio tutti d’accordo, ma a piacere ancora meno sono le sanzioni per uscire da un parcheggio.