Pavia, emessi sei Daspo per gli ultras pavesi dopo il pestaggio a Voghera

Divieto di accedere a manifestazioni sportive anche per un tifoso, colpevole di tafferugli durante Vogherese-Derthona e due per Juniores Garlasco e Casano Boscone Idrostar

La curva pavese (Foto d'archivio)

pavia calcio -la curva dei tifosi 2014 -foto torres

Pavia, 19 marzo 2024 - Nove Daspo, ovvero il divieto di accedere a manifestazioni sportive, sono stati emessi dal questore di Pavia, per tre diversi episodi di violenza in occasione di altrettante partite di calcio.

Sei sono tifosi del Pavia, per la spedizione punitiva al pub Big House di Voghera dopo il derby perso con la Vogherese il 2 aprile dello scorso anno: "Gli accertamenti condotti dalla locale Digos - spiega il comunicato stampa diramato dalla Questura di Pavia oggi, martedì 19 marzo - hanno portato all'identificazione di sei individui a carico dei quali venivano emessi altrettanti provvedimenti di D.A.Spo., uno della durata di un anno mentre gli altri della durata di 8 anni, con obbligo di firma, di cui tre per recidiva e due a seguito di convalida del Giudice per le Indagini Preliminari su richiesta della locale Procura".

Un settimo provvedimento, per la durata di un anno, ha colpito invece un tifoso identificato al termine della partita tra la Vogherese e il Derthona, lo scorso 18 febbraio, quando "si verificava un tafferuglio tra tifosi lungo la recinzione esterna dell'impianto sportivo", sorpreso "con una cintura tra le mani usata per colpire gli avversari".

Gli altri due Daspo sono stati presi "nei confronti di due tifosi che, insieme ad altri soggetti non ancora identificati, il 1° aprile 2023, durante l'incontro la squadre Juniores FC Garlasco 1976 e Casano Boscone Idrostar, invadevano il campo da gioco, rendendosi responsabili di lesioni nei confronti di tre giocatori della squadra ospite".