"Depuratore d'acqua in regalo a Pavia", ma il Comune smentisce

La stessa amministrazione dichiara di non aver aderito alla campagna: si tratta di una truffa

Palazzo Mezzabarba, sede del Comune di Pavia

Palazzo Mezzabarba, sede del Comune di Pavia

Pavia, 5 febbraio 2024 – Chi richiederà al Comune un depuratore d’acqua, lo riceverà gratuitamente: ma attenzione, perché si tratta di una truffa da cui il comune ha preso le distanze.

A Pavia è nato un “Bonus acqua”, chiamato così per giocare sull’equivoco legato al bonus idrico con il quale la provincia elargisce contributi destinati al pagamento delle bollette delle famiglie meno abbienti. Il termine “bonus”, inoltre, conferisce una garanzia di serietà a cui viene affiancata un’altra parola in grado di far breccia nei cittadini: “regalo”. Questo “bonus acqua” che permetterebbe ai cittadini di ricevere gratuitamente un depuratore, non è mai stato approvato dal comune.

È la stessa amministrazione comunale a smentire la propria adesione a una campagna di promozione di prodotti di filtrazione che, come solitamente viene ripetuto dagli operatori, si svolge in questi giorni nella zona.

“Ad oggi – fanno sapere da palazzo Mezzabarba – non è stato approvato alcun beneficio denominato “Bonus Acqua”, nel quale il comune di Pavia regalerebbe un depuratore d’acqua a tutti i cittadini che ne fanno richiesta.

Qualunque post sui vari social relativi a questo bonus risulta essere una truffa ed il comune di Pavia non ha partecipato ad alcuna campagna di promozione di prodotti di filtrazione”.