Quotidiano Nazionale logo
21 gen 2022

Una pacca è un abuso: pizzaiolo a giudizio

A denunciarlo per violenza sessuale una ex dipendente di 20 anni. Sarebbe stata colpita al termine di una lite per motivi di lavoro, ma lui nega

dario crippa
Cronaca
Il sostituto procuratore Carlo Cinque ha chiesto il rinvio a giudizio
Il sostituto procuratore Carlo Cinque ha chiesto il rinvio a giudizio
Il sostituto procuratore Carlo Cinque ha chiesto il rinvio a giudizio

di Dario Crippa Colpita al gluteo destro con uno schiaffo dal titolare della pizzeria dove lavorava come cassiera. A settembre il processo al Tribunale di Monza, dove ogni giorno arrivano al dibattimento almeno tre casi di presunti abusi sessuali e maltrattamenti in famiglia, tanto che un collegio di giudici praticamente si occupa soltanto di questi reati. I casi variano da quelli di violenze sessuali di inaudita ferocia a quelli di fattispecie ritenuta dal codice penale meno grave in termini di pena da infliggere, ma ugualmente odiosi per chi li subisce e sempre più spesso le vicende si consumano tra persone di fiducia, in famiglia, al lavoro, tra conoscenti e vedono anche vittime minorenni. Un fenomeno che occupa da un paio di anni le aule della giustizia monzese, anche grazie all’aumento delle denunce delle persone che trovano il coraggio di portare alla luce i presunti abusi. Come la cassiera ventenne monzese, decisa a non far passare sotto silenzio quanto ritiene di avere subìto. La giovane sostiene che nel marzo del 2021 il suo datore di lavoro, pizzaiolo 46enne titolare di un locale a Monza, nel mezzo di una discussione nata per motivi lavorativi, l’avrebbe colpita con quello schiaffo, una manata da lei ritenuta un atto di violenza sessuale. La ventenne si è recata a presentare denuncia ai carabinieri, che hanno fatto partire la segnalazione alla Procura di Monza. Il pm sul cui tavolo la vicenda è arrivata, il sostituto procuratore Carlo Cinque, ha chiesto il rinvio a giudizio del presunto responsabile. Secondo l’accusa, l’abuso sessuale si sarebbe consumato proprio all’interno della pizzeria, alla presenza di un altro dipendente che sarà chiamato a testimoniare durante il dibattimento, fissato per il 22 settembre davanti proprio a quel collegio di giudici, tutte donne, ormai loro malgrado ‘specializzate’ in questi reati. La ex cassiera si è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?