Travolto da un’auto pirata a Verano Brianza: Agostino Gualdi salvato dal suo labrador che “chiama” i soccorsi

Grave ma vivo il pensionato bergamasco 65enne (residente a Giussano) grazie al cane con cui stava passeggiando: caccia al pirata che lo ha investito

Agostino Gualdi travolto insieme al suo labrador in via Comasina
Agostino Gualdi travolto insieme al suo labrador in via Comasina

Stava passeggiando con il suo Labrador per strada. Il solito tragitto, da casa a Giussano verso Verano Brianza. Ma in via Comasina è stato travolto da un’auto pirata. Sbalzato a lato della strada, finito in mezzo all’erba alta. Lui e il suo cane. Agostino Gualdi, 65enne originario di Bergamo, da oltre 10 anni, trasferitosi a Giussano con la compagna, ha perso i sensi.

A quel punto, il cane, ferito, è tornato a casa da solo. Facendo scattare l’allarme e salvando la vita al suo padrone, ora ricoverato in gravi condizioni all’ospedale milanese di Niguarda. Ora è caccia all’automobilista fuggito senza prestare soccorso.

L’investimento è avvenuto nel primo pomeriggio di domenica, intorno alle 14. Agostino Gualdi era uscito di casa con il cane. Lo faceva spesso. Sempre lo stesso itinerario, tra Giussano e Verano. In via Comasina, non lontano dalla grande rotonda del McDonald’s, l’uomo e il cane sono stati centrati  da un’auto e scaraventati a lato della strada.

Il padrone è finito tra l’erba alta a lato della strada, in una posizione non visibile dagli altri automobilisti di passaggio. L’investitore, secondo quanto raccolto dai carabinieri della Compagnia di Seregno, sarebbe sceso, giusto il tempo di dare un’occhiata in giro e poi sarebbe risalito in auto per proseguire la sua corsa.

Alcuni testimoni avrebbero notato solo una macchina scura fermarsi dopo aver urtato un cane e poi ripartire. Il labrador, ferito, è riuscito comunque a tornare a casa, ripercorrendo lo stesso percorso fatto con il suo padrone. Quando i famigliari del 65enne lo hanno visto rientrare da solo e contuso, hanno subito capito che fosse successo qualcosa di grave. Conoscendo anche loro le abitudini dell’uomo, si sono incamminati ripercorrendo l’itinerario a piedi. Arrivati in via Comasina hanno notato il corpo del 65enne in mezzo all’erba. Immediatamente sono stati chiamati i soccorsi. L’uomo è stato portato in codice rosso al Niguarda dove è ricoverato in gravissime condizioni per un trauma alla testa e diverse fratture. Allo stesso tempo sono scattate le indagini dei carabinieri per risalire all’identità del pirata della strada, anche se sul luogo dell’investimento non ci sono tracce utili né ci sarebbero telecamere attive nella zona.