Tari scontata a commercianti e artigiani “isolati“ dai cantieri

Il Comune di Giussano offre sconti sulla Tari alle attività penalizzate dai lavori in corso, come forma di risarcimento. La Giunta valuterà i casi singolarmente. Utenti morosi dovranno mettersi in regola.

Tari scontata a commercianti e artigiani “isolati“ dai cantieri

Il Comune va in aiuto di commercianti e artigiani le cui attività saranno disturbate dalla presenza dei cantieri della durata di più di sei mesi

I lavori del Comune vanno per le lunghe? Nessun problema. O, meglio, i disagi ci saranno inevitabilmente, ma tutte le attività commerciali, quelle artigianali e i pubblici esercizi che vengono penalizzati potranno beneficiare di uno sconto in occasione del pagamento della Tari, la tassa rifiuti, quale forma di risarcimento. Così ha deciso il Consiglio comunale. "Un aiuto economico, ma soprattutto un gesto di attenzione in un momento non semplice per artigiani e commercianti - affermano il sindaco Marco Citterio e l’assessora al Commercio, Paola Ceppi -. La presenza di un cantiere può influire sull’andamento di un’attività riducendone in parte la visibilità e l’accessibilità, per questo abbiamo deciso di fare la nostra parte. Valutando ogni singolo caso, sarà possibile sostenere chi momentaneamente si trova in un’area di cantiere".

A fare le valutazioni di questi singoli casi ci penserà direttamente la Giunta: al sindaco Marco Citterio e ai suoi assessori il compito di individuare le vie del territorio comunale oggetto dei lavori e le conseguenti percentuali di riduzione Tari. Queste riduzioni possono riguardare sia la parte fissa sia la parte variabile del tributo e, stando a quanto deciso dal Consiglio comunale, si può anche arrivare alla totale esenzione. A beneficiare di questa decisione, ovviamente, possono essere soltanto quelle attività con sede operativa che si affaccia, con unico punto di accesso della clientela, sull’area direttamente interessata da limitazioni del traffico. Il Consiglio comunale ha voluto precisare un’altra regola: le attività che si sentono danneggiate dai lavori pubblici e che intendono chiedere la riduzione sulla Tari (o la totale esenzione) quale risarcimento, devono essere già in regola con il pagamento di tutti i tributi comunali. Le utenze morose, al contrario, saranno convocate dagli uffici comunali per saldare al più presto quanto dovuto e mettersi in regola.

Gualfrido Galimberti