Se il podcast è danzato. Il ballo incontra le parole per raccontare le donne e le follie dell’amore

“Slegate”, inedito viaggio attraverso i sentimenti sul palco del Binario 7

Se il podcast è danzato. Il ballo incontra le parole per raccontare le donne e le follie dell’amore

Se il podcast è danzato. Il ballo incontra le parole per raccontare le donne e le follie dell’amore

Tre podcast, tre donne, tre storie d’amore malato, quelle di Cleopatra, Dora Maar e Daniela Cecchin. La danza incontra la parola nello spettacolo “Slegate“ che andrà in scena venerdì alle 20.30 al Binario 7, in sala Picasso. Eros e Thanatos si inseguono in un viaggio nell’anima di tre donne forti e fragili, lontanissime nel tempo, nel ruolo sociale, nella personalità e nella loro storia, ma tutte dominate da un amore così totalizzante da portarle alla follia. Morire per amore, impazzire per amore, uccidere per amore. Eppure continuiamo tutti a vivere per amore. Passano secoli, culture, società differenti, ma l’amore distorto accomuna tutte quante. Questi i temi dello spettacolo dove la danza reagisce non alla musica, ma alla narrazione parlata nei podcast. In scena le tre danzatrici della compagnia “Naked Human Dance - N.Hu.Da“. Laura Quadri, attraverso l’hip hop racconterà Cleopatra. Alice Beatrice Carrino, formatasi all’Accademia di danza contemporaea e teatro danza di Susanna Beltrami, vestirà i panni della fotografa, poetessa e pittrice surrealista Dora Maar oscurata dalla relazione tossica con Pablo Picasso. Romina Contiero, di formazione classicomodern cercherà di indagare la figura di Daniela Cecchini. Racconterà una donna subdola, strana, sottocorda che uccide per invidia una rivale, distruggendo la vita di Rossana, ma anche la propria.

"Sin da ragazzina leggo libri di crime – spiega Contiero – e mi è piaciuto raccontare l’istinto latente che porta una donna a diventare assassina. Normalmente la danza si relaziona con la musica. Questo è uno dei primissimi esperimenti in cui utilizziamo dei podcast e quindi il linguaggio parlato come base: il pubblico ascolta il podcast e vede l’interpretazione". Gli accenti del gesto si appoggiano alla metrica delle parole che danno il ritmo. I tre soli staccati sono accomunati dalla stessa scenografia: un tavolo, una sedia, un divano e pochi oggetti scenici racconteranno diversi luoghi e oggetti storici. In coda la lettura di una poesia modificata, letta da Pujadevi (attrice e regista).