Salvagente al commercio. Nuova luce sui negozi sfitti

Un censimento dettagliato faciliterà l’incontro fra domanda e offerta. Il Comune istituisce un tavolo di lavoro per il rilancio delle botteghe.

Salvagente al commercio. Nuova luce sui negozi sfitti

Salvagente al commercio. Nuova luce sui negozi sfitti

Il Comune di Desio introduce una strategia per aiutare il commercio in crisi e rivilitalizzare negozi chiusi o sfitti. L’iniziativa è stata presentata nell’ambito del progetto “Desio da vivere” e si propone una rivalorizzazione del Distretto Urbano del Commercio. Realizzare un censimento dettagliato delle attività economiche della città e delle unità locali sfitte per facilitare l’incontro fra domanda e offerta, fornendo gli elementi utili alla locazione, nonché promuovendo gli immobili non utilizzati che potranno essere utilizzati per nuove attività. "Questa iniziativa rientra in un più ampio progetto di eccellenza ‘Desio da vivere’, finanziato da Regione Lombardia per sostenere il Distretto del Commercio di Desio - spiega il sindaco, Simone Gargiulo -. L’Amministrazione comunale ha tra i suoi obiettivi quello di rivitalizzare il tessuto commerciale locale anche con azioni di opposizione all’indebolimento delle attività commerciali. Stiamo introducendo tutte le iniziative possibili per sostenere il commercio di vicinato che, anche a Desio soffre di una crisi molto ampia. È importante facilitare la creazione di una rete sinergica, che è una delle armi più efficaci contro le difficoltà strutturali".

"Nell’ambito della progettualità di ‘Desio di Vivere’, l’azione “Desio in luce” è un progetto ambizioso, il cui obiettivo principale è quello di mettere in atto tutte quelle azioni di contrasto alla desertificazione commerciale. Abbiamo istituito un Tavolo di lavoro, una cabina di regia dedicata, grazie alla collaborazione di ConfCommercio, partner del Distretto del Commercio, con l’intento di dare nuova vita ai negozi non ancora affittati, promuovendo la loro rivitalizzazione e cercando di contenere, al contempo, problematiche di decoro urbano - prosegue l’assessore al Commercio, Eventi e Marketing Territoriale Samantha Baldo - Il primo passo è la realizzazione di un database georeferenziato attraverso la mappatura delle attività economiche urbane". Il DUC attiverà una serie di iniziative per rivitalizzare le vie caratterizzate da un indebolimento dell’offerta commerciale, attraverso il riuso di spazi sfitti e dismessi di piccola dimensione, incentivando. Anche l’aumento del costo dell’energia rappresenta un ulteriore fattore che potrebbe spingere le imprese a chiudere.