"Premiata la voglia di cambiare"

Paolo Vintani vince le elezioni a Barlassina con il 50% dei voti, battendo Daniela Morisi. Promette cambiamenti e una gestione più efficiente del comune.

"Premiata la voglia  di cambiare"

"Premiata la voglia di cambiare"

La voglia di cambiamento si è tradotta nel 50% sfiorato con cui Paolo Vintani (nella foto) è stato eletto sindaco. Staccata di netto la principale avversaria Daniela Morisi (37,36%), assessora uscente della giunta sostenuta da una maggioranza di centrosinistra che da molti anni governava il piccolo comune brianzolo. Claudio Trenta, il "pensionato che ripara le buche", in corsa come terzo candidato sindaco, ha ottenuto poco più del 12%, che gli consente di entrare in consiglio comunale, dove invece non rientrerà il sindaco uscente Pier Mario Galli, quinto classificato nella lista Insieme per Barlassina.

"Il risultato premia un grande lavoro di squadra e riesce finalmente a dare una risposta alla voglia di cambiamento che sentivamo da tempo nell’aria", dice Vintani, 66 anni, farmacista in paese da generazioni. A sostegno della sua candidatura, questa volta c’era l’intero centrodestra compatto, riunito in una lista che ha scelto la sigla “Tradizione e futuro“. "Per prima cosa dobbiamo lavorare sulla macchina amministrativa, per conoscere i meccanismi dei vari uffici e riorganizzare il municipio per renderlo più efficiente, poi cercheremo di fare rete con i comuni vicini per togliere Barlassina dall’isolamento che ha vissuto in questi anni", aggiunge Vintani che sul fronte delle nomine conferma già due indicazioni, quella del vicesindaco Giorgio Porro e quella di Serena Ronzoni come assessora esterna. La sfidante Daniela Morisi: "Fatti i complimenti a Vintani per il suo ottimo lavoro, noi probabilmente abbiamo pagato sul fronte del decoro urbano che in questi ultimi mesi non siamo riusciti a mantenere come volevamo, abbiamo fatto altre cose che però si vedono meno. Prendiamo atto della scelta dei barlassinesi e ci impegniamo in una opposizione costruttiva perché vogliamo tutti il bene di Barlassina". Ga.Bass.