CRISTINA BERTOLINI
Cronaca

Lasciato a piedi dal taxi in stazione: “Monza non è una città per ciechi”

La denuncia di Nicola Stilla : "Nell’allontanarsi ha rischiato persino di rompermi il bastone bianco"

Il vicepresidente della Biblioteca italiana ciechi di Monza Nicola Stilla ha sporto denuncia in Questura

Il vicepresidente della Biblioteca italiana ciechi di Monza Nicola Stilla ha sporto denuncia in Questura

Monza – «Monza non è una città accogliente per le persone con disabilità visiva. Sono stato lasciato a piedi in stazione da un tassista che nell’allontanarsi di tutta fretta ha rischiato persino di rompermi il bastone bianco, per me strumento fondamentale per muovermi in totale autonomia in giro per l’Italia".

Parla due mesi dopo l’episodio Nicola Stilla, vicepresidente della Biblioteca italiana ciechi di Monza, che ha sporto denuncia in questura, oltre ad aver avvisato gli uffici comunali competenti. "La situazione in due mesi non è cambiata e ho quindi deciso di rendere pubblica la mia storia affinché quanto è successo a me, non accada ad altri".

Stilla, malgrado la cecità, è una persona autonoma, abituata a muoversi per l’Italia coi mezzi pubblici, grazie al bastone bianco. L’episodio denunciato risale al 6 aprile: alle 17.45 ha raggiunto il piazzale dello scalo ferroviario di ritorno da un viaggio e ha telefonato al radiotaxi per chiedere un’auto. Nel frattempo però gli si è avvicinato un tassista per chiedergli se avesse bisogno. "Il tassista mi ha chiesto se dovevo andare a Monza, oppure fuori città e mi ha detto che se la corsa era su Monza, come nel mio caso, lui non l’avrebbe fatta. Ho sentito le portiere dell’auto chiudersi. Ho provato ad avvicinarmi, ma il tassista è ripartito rischiando di finire sul mio bastone".

Nel frattempo Stilla non aveva interrotto la comunicazione con la centrale del radiotaxi che lo ha informato dell’arrivo di un nuovo mezzo. La mattina seguente ha nuovamente contattato il radio taxi per farsi accompagnare in stazione a prendere un treno per andare a Bergamo. Al termine della corsa il tassista non voleva farsi pagare, ma Stilla ha insistito per conoscere il prezzo del passaggio (10 euro) sborsando il dovuto.

«Episodi simili non devono succedere. Qui siamo di fronte all’interruzione di un servizio pubblico. Si è approfittato della mia condizione di persona non vedente. Non solo: ho scoperto che con il servizio di radiotaxi di Monza è possibile prenotare la corsa per il giorno dopo, ma solo se si va fuori città. Purtroppo i taxi mancano, anche se secondo il regolamento dovrebbero essere tutti in servizio".