Incontro con gli Alabardieri

Incontro con gli Alabardieri del Duomo di Monza organizzato da Pro Monza. Storia e servizio del corpo di guardia armata difensore della Corona Ferrea. Divise e armi storiche in uso. Prenotazione obbligatoria. Sede dell'associazione all'Infopoint turistico di piazza Trento e Trieste.

Incontro con gli Alabardieri

Gli Alabardieri del Duomo di Monza sono l’unico corpo in armi in chiesa oltre alle Guardie Svizzere in Vaticano. Difendono il Tesoro e la Corona ferrea

Incontro con gli Alabardieri del Duomo di Monza. Sabato alle 15, nella saletta polifunzionale dell’infopoint turistico (piazza Trento e Trieste angolo via Giuliani), l’associazione Pro Monza organizza un incontro tenuto da un alabardiere che racconterà la storia di questo importante corpo. Dopo la presentazione, ci si trasferirà in Duomo per raggiungere gli alabardieri in servizio. L’ ingresso è libero con prenotazione obbligatoria a pro.monza@tiscali.it. Si tratta di uno storico corpo di guardia armata, dedicato alla difesa della Corona Ferrea e del Tesoro della basilica di San Giovanni. Ancora oggi impegnati durante le celebrazioni solenni, la principale delle quali è la processione del Sacro Chiodo, gli Alabardieri sono presenti in Duomo ogni primo sabato del mese. Il Corpo di guardia si compone di circa 20 membri che si alternano nel servizio per le varie messe capitolari e celebrazioni liturgiche con le loro divise ed alabarde. Gli elementi caratteristici sono l’uniforme con il copricapo e le armi in dotazione: la spada e, ovviamente, l’alabarda: un’arma bianca da punta e da taglio.

Le divise ancora oggi in uso sono identiche a quelle della metà del XVIII secolo. Lo stesso vale per le armi. Pro Monza, storica associazione promotrice della vocazione turistica della città, ha sede proprio all’Infopoint turistico di piazza Trento e Trieste. Vi si trova materiale turistico inerente la città di Monza e notizie su eventi e manifestazioni in programma. È aperto da lunedì al sabato, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 e anche la domenica, dalle 9, alle 15.

Cristina Bertolini