Il prezzo crolla:. Villa Luisa torna all’asta

TRIUGGIO Villa Luisa torna per la quinta volta all’asta: il 2 febbraio la base sarà di 1.1...

Il prezzo crolla:. Villa Luisa torna all’asta
Il prezzo crolla:. Villa Luisa torna all’asta

Villa Luisa torna per la quinta volta all’asta: il 2 febbraio la base sarà di 1.158.750 euro. Il prezzo della storica villa , dopo i primi tentativi andati a vuoto, è crollato ai minimi termini. La prima asta è datata al 20 maggio 2021, all’epoca per ottenere Villa Luisa servivano 4.811.325 euro. Poi, l’offerta si è abbassata arrivando ai 3.661.000 euro del 20 maggio 2022, ai 2.745.750 euro dell’8 febbraio 2023 e infine ai 2.060.000 euro chiesti lo scorso 15 settembre ma anche in quell’occasione nessuno si era fatto avanti per acquisire l’immobile posto in vendita dal curatore, la dottoressa Lucia Arizzi di Monza, a seguito del fallimento dell’impresa di costruzioni Anna Srl. Della residenza si hanno notizie fin dal 1858. Fu trasformata in villa dalla famiglia Caprotti intorno al 1900. Nel 1948 venne acquistata dall’istituto Figlie di Maria Ausiliatrice e prese il nome di Villa don Bosco diventando, oltre che sede di scuola elementare e media, centro spirituale, luogo aperto alla comunità e, più tardi, casa di riposo per suore anziane. Nel 2007 l’ordine religioso mise in vendita il complesso che venne acquistato nel 2010 dall’immobiliare Anna, che avanzò all’amministrazione allora guidata da Paolo Manzoni la proposta di un “baratto”: la cessione al Comune della villa e del parco in cambio della possibilità di costruire tra Triuggio e Tregasio 150 appartamenti. Il percorso per l’acquisizione di Villa Luisa, iniziato nel 2011, andò comunque avanti e l’amministrazione Manzoni svelò le sue carte: la residenza sarebbe diventata il nuovo municipio. Il piano integrato Villa don Bosco venne approvato in Consiglio comunale nel 2012 ma la convenzione tra il Comune e il privato non fu mai sottoscritta: nel 2013 la Villa tornò di proprietà dell’immobiliare Anna Srl.

Son.Ron.