FABIO LUONGO
Cronaca

Il Cile le canta a tutti. Pop d’autore e indie invadono il Parco Tittoni

Il cantautore sarà protagonista di una serata al Festival di Desio. In programma anche il docufilm “Materia viva“ sul rispetto dell’ambiente.

Il Cile le canta a tutti. Pop d’autore e indie invadono il Parco Tittoni

Il Cile le canta a tutti. Pop d’autore e indie invadono il Parco Tittoni

Il pop d’autore de Il Cile, l’indie italiano e internazionale da cantare a squarciagola ma anche l’attenzione per l’ambiente e per uno stile di via più ecosostenibile. Tanta musica e il cinema d’impegno nell’avvio di settimana del Parco Tittoni. Il festival di Desio darà il là alla sua seconda settimana di programmazione con la proiezione di un documentario che indaga le buone e le cattive abitudini in tema ambientale, in particolare riguardo al problema dei riciclo dei rifiuti e delle apparecchiature elettroniche: martedì alle 21.30 si potrà approfondire il tema con il docufilm “Materia Viva“, che attraverso i racconti di esperti e di personaggi noti invita a pensare alla necessità di trovare rapidamente un equilibrio tra la presenza sempre più pervasiva della tecnologia nelle nostre vite e la tutela delle risorse del pianeta. Ingresso libero.

Mercoledì alle 21 si accenderanno gli impianti del palco del Tittoni con il concerto de Il Cile, all’anagrafe il cantautore e chitarrista Lorenzo Cilembrini, che tornerà dal vivo con una nuova formazione, facendo tappa in Brianza con il suo “Anche questa è vita Summer Tour“. L’artista, che il grande pubblico ha conosciuto con il brano “Maria Salvador“ realizzato insieme a J-Ax e con pezzi come “Siamo morti a vent’anni“, “Liberi di vivere“ ed “Era bellissimo“, è tornato a un’attitudine simile a quella delle origini, quando con “Cemento armato“ conquistò radio e classifiche, capofila di una generazione di cantautori indipendenti dal tocco pop diventati presto fenomeno mainstream. Per gli spettacoli di questo tour estivo Il Cile ha studiato una scaletta che racconta in musica una storia di vita fatta di sentimenti e debolezze, emozioni, turbamenti, insicurezze e della realtà che ci circonda. Brani generazionali si intrecceranno con canzoni autobiografiche. Ad aprire la serata saranno alle 21 la band lodigiana dei MaNia, che mescola melodie rock intimistiche a pezzi energici e potenti in stile alternative-rock, e alle 21.30 la cantautrice comasca Ceriach Re con le sue ballate indie-folk. Dalle 22 toccherà a Il Cile. Biglietto d’ingresso 10 euro.

Giovedì si proseguirà con le atmosfere indie grazie all’evento “Canta indie, canta male“, che dalle 21 farà scatenare sulle hit del genere, con i brani scelti dal pubblico, suonati da una band e cantati assieme a metà tra microfono aperto e karaoke. Biglietto d’ingresso 7 euro.