Sonia Ronconi
Cronaca

Giussano, i carabinieri arrestano una truffatrice seriale: grazie al computer accumulava migliaia di euro

La 31enne dovrà espiare per una serie di frodi informatiche compiute a Milano, fin da quando, poco più che diciottenne, ha cominciato a rendersi protagonista di una serie di reati

I carabinieri hanno stroncato un'esperta di frodi informatiche

I carabinieri hanno stroncato un'esperta di frodi informatiche

Giussano (Monza e Brianza) – I carabinieri della Stazione di Seregno hanno rintracciato a Giussano una 31enne appena condannata per una truffa informatica di migliaia di euro commessa a Milano nel 2014. La condanna odierna è solo l’ultima di una lunga serie di precedenti che partono da quando, poco più che diciottenne, ha cominciato a rendersi protagonista di una serie di reati contro il patrimonio e, in particolare, furti, ricettazioni e soprattutto truffe informatiche dove, nel corso degli anni ha accumulato un bottino complessivo di decine di migliaia di euro a discapito di ignari cittadini in tutta Italia e in particolare nelle province di Monza e della Brianza, Milano, Bergamo, Como, Pavia, Brescia, Venezia, Torino, Alessandria e Nuoro.

Le vittime di turno i si sono viste addebitare somme di denaro di importi fino a tremila euro per l’acquisto dei beni più disparati quali, solo per citarne alcuni: profumi, cosmetici, articoli di bigiotteria, viaggi, ricariche telefoniche, pneumatici .Il "modus operandi" è sempre lo stesso, quello della email di phishing, tecnica in cui la vittima viene indotta ad “abboccare” all’inganno costituito da una email a prima vista inviata da un ente affidabile, quale per esempio una banca, e mascherata dall’apparenza di essere del tutto veritiera sia come grafica che come email di provenienza. Dietro tale apparente autorevolezza invece si nascondono scaltri truffatori che richiedono informazioni personali, quali codici di pagamento e numeri di carte di credito, compresi dei relativi codici di verifica (il CVC presente dietro ogni carta).

Chi subisce il phishing risponde alla “email-esca” inviando i dati richiesti che consentono poi alla persona malintenzionata di compiere operazioni come se fosse la vittima stessa. La donna, al momento  ancora sotto processo in vari procedimenti, ricevuta la notifica di condanna a dieci mesi di reclusione, è stata arrestata dai carabinieri di Seregno e collocata in regime di detenzione domiciliare nel proprio domicilio di Giussano. Le tecniche di phishing sono sempre in evoluzione e si fanno via via più raffinate. Per approfondimenti e suggerimenti su come proteggersi si rimanda alla sezione dedicata del sito dell’Arma dei carabinieri (https://www.carabinieri.it/in-vostro-aiuto/consigli/internet/) e del sito del Garante per la protezione dei dati personali (https://www.garanteprivacy.it/home/ricerca/-/search/key/phishing%20attenzione%20pescatori).

Di seguito alcuni suggerimenti per evitare di incappare nella rete dei “pescatori” di dati:non comunicare mai dati, codici di accesso e password personali; non rispondere mai direttamente all’email ricevuta ma compi ogni operazione solo dalla pagina ufficiale del tuo home banking;-controlla se la grafica è sgranata (i truffatori spesso utilizzano grafiche con loghi di scarsa qualità);controlla se ci sono errori di ortografia; controlla bene l’indirizzo dell’email ricevuta se presenta errori o anomalie (es. un indirizzo pubblico quale gmail.com anziché quello del sito della tua banca); non cliccare mai sui link (spesso possono contenere un url nascosto);per raggiungere il sito della tua banca digita l'Url direttamente nella barra dell'indirizzo del browser o raggiungilo attraverso i "preferiti" o i "segnalibri" della rubrica.

Ma anche non aprire né scaricare gli allegati, anche se si trattano di file word apparentemente innocui (all’interno possono contenere delle macro nascoste);-Controlla con frequenza i movimenti del conto corrente e delle carte di credito o bancomat. In caso di minimo dubbio, contatta telefonicamente chi dice di avervi inviato quella email prendendo il numero direttamente dalla pagina ufficiale dell’istituto di credito. Infine, presta attenzione a ogni forma di condizionamento psicologico. Il phishing è infatti una forma di ingegneria sociale dove i truffatori hanno lo scopo di ottenere informazioni personali tramite l’inganno e per questo cercano di mettere sotto pressione la vittima prospettando situazioni urgenti, emergenziali o prospettando gravi conseguenze (es. la denuncia all’autorità giudiziaria, la perdita di denaro, la rivalsa giudiziaria, etc.).